Accedi
Commenti 31

"La chiusura dei valichi è un ostacolo ai mezzi di soccorso"

Da Luino giungono nuove critiche alla misura presa dalla Svizzera. "La sicurezza è solo un espediente"

Se da parte svizzera le Guardie di confine hanno stilato un bilancio intermedio positivo sulla chiusura notturna dei tre valichi di confine secondari di Pedrinate, Novazzano e Ponte Cremenaga - introdotta a titolo sperimentale lo scorso 1° aprile - in Italia la polemica sulla misura definita "discriminatoria" sembra non essersi ancora sopita.

Almeno non per il capogruppo di "La Grande Luino" Giuseppe Taldone, che in una presa di posizione pubblicata ieri su luinonotizie.it evidenzia ulteriori presunti problemi legati alla chiusura notturna dei tre valichi, chiusura che a suo dire rappresenterebbe un ostacolo non solo per i frontalieri ma anche "per i mezzi di soccorso".

"La notizia diffusa dalle autorità elvetiche di una rapina avvenuta l’8 luglio ad un distributore di benzina in prossimità del valico di Cremenaga, ha riacceso nuovamente le polemiche in zona di confine" scrive Taldone. "La Lega dei Ticinesi si è subito mobilitata per la chiusura di tutti i valichi minori durante gli orari notturni, giusto per cominciare, compreso Ponte Cremenaga. La rapina non è avvenuta di notte ma ciò per loro è un dettaglio irrilevante viste le posizioni preconcette. Pensare di voler fermare il crimine sollevando barriere è già illogico di suo. Se poi le barriere sono le semplici sbarre doganali, allora la faccenda diventa pure grottesca."

Il consigliere provinciale ritiene che la chiusura notturna dei valichi non sia la strada giusta per garantire sicurezza. "Oggi abbiamo a disposizione ciò che serve in termini di tecnologia ed intelligence e se si vogliono affrontare le cose seriamente lo si può fare senza troppi problemi" scrive Taldone. "Evidentemente non è questo il punto. Atteggiamenti del genere, oltre che inutili, possono essere causa di ulteriori problemi. Per esempio in caso di frane o smottamenti si può avere il blocco di strade italiane e la chiusura del valico può essere un vero e proprio ostacolo al rapido arrivo a Cremenaga di mezzi di soccorso provenienti da Luino. Chi sostiene la necessità di chiudere le dogane lo fa in modo decisamente pretestuoso, puntando sulla paura e sul fatto che oggi posizioni estreme possono favorire il facile consenso."

“Tirare in ballo la sicurezza è solo un espediente per aggirare l’ostacolo del rispetto dei trattati internazionali come quello di Schengen che impone la libera circolazione delle persone" prosegue il capogruppo di La Grande Luino. "Con fermezza ci opponiamo a ciò e continueremo a farlo. Ticinesi e Lombardi devono saper convivere nel rispetto reciproco visto che tanto hanno in comune in termini di lingua, storia e cultura. Ne è un esempio la stessa ‘Regio Insubrica’, che nasce proprio con lo scopo di promuovere l’integrazione transfrontaliera nella regione italo-svizzera dei laghi prealpini, favorendo il dialogo e la cooperazione tra il Canton Ticino e le province italiane di Varese, Como, Verbano-Cusio-Ossola, Novara e Lecco. Una vera e propria comunità di lavoro che si estende su di un’area storicamente omogenea, che parla la stessa lingua, ossia il dialetto lombardo occidentale e che trae origine da uno stesso popolo, gli Insubri. Inoltre questo territorio transnazionale per quattro secoli è stato parte integrante del Ducato di Milano, la cui bandiera, sia pure a colori invertiti (croce rossa su sfondo bianco), ricordava quella elvetica."

"Per la Svizzera confinare con la Lombardia è sicuramente un’opportunità, visto che si tratta di una regione ricca e capace di trainare l’intera economia italiana" sostiene ancora Taldone. "Non per nulla si sta collaborando per realizzare l’alta velocità ferroviaria Alptransit."

"Stando così le cose non si capisce perché non lavorare insieme con fiducia, perché non sviluppare una politica di dialogo che favorisca la crescita e porti, per esempio, ad apprezzare meglio la professionalità dei nostri frontalieri. Sono sicuro che questo è il pensiero dominante non solo tra i Lombardi" conclude Taldone. "Per questa ragione faremo di tutto per evitare che forze politiche estremiste d’oltre confine possano avere il sopravvento ed imporre una politica basata su anacronistici ed ingiustificati protezionismi."

Redazione | 17 lug 2017 06:20

Articoli suggeriti
A tre mesi dall'inizio della fase di test, le Guardie di confine stilano un bilancio positivo. "Niente costi aggiuntivi"
Il sindaco di Luino scrive a Roma a proposito della chiusura del valichi. L'Italia, intanto, ripristinerà i controlli
Il testo avrebbe dovuto essere votato ieri sera dal consiglio comunale di Luino, ma Taldone ha fatto dietrofront
L'ambasciatore Giancarlo Kessler ha incontrato stamattina la Commissione Schengen: "Siamo in una fase sperimentale"
La presidente del comitato bicamerale Schengen Laura Ravetto annuncia battaglia. "Propaganda anti-italiana"
Il ministro delle finanze propone inoltre di far capo a società di sicurezza private per rafforzare le frontiere
Bertoli prende posizione e bacchetta Gobbi: "Non aiuta i rapporti con l'Italia"
La consigliera nazionale leghista ha spiegato la chiusura notturna dei valichi ieri sera su Rete 4. VIDEO
Lara Comi ha scritto a Federica Mogherini per chiedere provvedimenti contro la Svizzera. "Violati i bilaterali"
Norman Gobbi, ai microfoni della Rai, ha chiarito al pubblico italiano i contorni della chiusura dei valichi
È già giunta la risposta all'Italia. "Non c'è alcun motivo per interrompere la fase pilota. E ne eravate informati"
Continuano le tensioni con l'Italia che torna a evocare anche la questione del casellario giudiziario
La Lombardia approva una mozione contro la chiusura notturna dei valichi. Il PD: "Non è l’unico provvedimento unilaterale"
Si è svolto oggi a Mezzana un incontro tra le parti sulla sperimentazione avviata lo scorso 1° aprile
Il segretario provinciale della Lega Nord si smarca dalla protesta. "Dovremmo prendere esempio dalla Svizzera"
Tra le proteste, è iniziata la fase test. Ma anche Ginevra ne ha chiusi 4. E nei Grigioni non si lamenta nessuno
Manifestazione di protesta questa sera al valico di Cremenaga. "Le zone di confine sono terra di nessuno"
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'