Accedi
Sfoglia la galleryCommenti 2

In 2'000 al LAC per seguire l'opera

Grande successo sabato sera sulla piazza del centro culturale, dove è stata trasmessa per la prima volta la produzione "Un ballo in maschera"

Sabato sera, oltre 2'000 spettatori hanno occupato la piazza del LAC per assistere all'opera verdiana “Un ballo in maschera” trasmessa per la prima volta in diretta a Lugano dall’Opernhaus di Zurigo, in concomitanza con la Sechseläutenplatz.

Gli spettatori luganesi si aggiungono ai 12'000 che hanno raggiunto le rive della Limmat - un record per Zurigo -, permettendo a ben 14'000 persone di assistere alla recente produzione dell’Opernhaus in un'atmosfera festivaliera. "Opera per tutti" è stato quindi un successo, uno spettacolo di grande caratura con un cast d'eccezione riversato sulle piazze per avvicinare chiunque lo volesse alla musica classica.

Il pubblico, coinvolto dai moderatori Kurt Aeschbacher e Giada Marsadri, ha potuto anche scoprire il dietro le quinte dello spettacolo grazie ad alcune interviste ai protagonisti in scena, e le istituzioni LAC e Opernhaus Zürich, che sono state presentate sugli schermi nelle piazze attraverso diversi video che hanno anticipato la diretta. Il direttore generale del LAC Michel Gagnon ha commentato che “è stato straordinario vedere persone di ogni età raggiungere e occupare la piazza con seggiolini e cuscini. Il LAC era di tutti. L’atmosfera che si respirava era proprio quella di un festival. L’augurio è di vedere la piazza vivere tutta l’estate: ci saranno nuove sorprese per il pubblico”.

Felice anche Etienne Reymond, direttore artistico di LuganoMusica che ha lanciato il ciclo classicA10 del quale “Opera per tutti” era parte: "l’intero ciclo, aggirando l’ostacolo del costo pur conservando la qualità dell’offerta, ci ha permesso di vedere nuovi volti assistere a un concerto di musica classica. Questo era il nostro obiettivo e sono certo che tra di loro, alcuni avranno scoperto di amare il repertorio. Il ciclo tornerà la prossima estate”.

 

Redazione | 19 giu 2017 16:16

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'