Accedi
Commenti 71

Attenzione: c'è un falso poliziotto in Ticino!

Una persona con accento del Sud Italia si aggira tra Chiasso e Morbio Inferiore con un falso tesserino

Un falso agente di Polizia è stato segnalato giovedì scorso, tra le 17 e le 18, a Chiasso e a Morbio Inferiore.

Lo comunica oggi la Polizia cantonale, precisando che il falso poliziotto si è identificato mostrano un tesserino non ben definito.

Con la scusa di voler parlare con le proprietarie di casa di presunti furti avvenuti in zona, ha manifestato l'intenzione di entrare nei loro appartamenti. Fortunatamente la sana diffidenza mostrata dalle due donne gli ha permesso di non divenire vittime di furto o di truffa.

I connotati della persona sospetta sono i seguenti:

uomo, corporatura snella, altezza 165/170 centimetri, carnagione abbronzata, indossava jeans, giubbotto di colore nero con scritta "POLIZIA" e cappellino. Era munito di radiotrasmittente e si espresso in italiano con accento del Sud Italia.

La Polizia cantonale coglie nuovamente l'occasione per ripetere i principali consigli di prevenzione da adottare in questi casi.

Assolutamente non far entrare la persona sconosciuta che si presenta alla porta, prima di aver controllato quanto segue:

Richiedere una tessera identificativa e prestare attenzione a quanto riportato. Procedere in caso di sospetto alla verifica sull'attendibilità del controllo che dicono di voler fare tramite la Centrale operativa della Polizia cantonale.Non mostrare o raccogliere i valori o il denaro come richiesto dai falsi poliziotti.

Non lasciare che sia il falso poliziotto a chiamare il suo superiore o la Centrale operativa perché potrebbe mettervi in contatto con un complice. In caso di sospetti allertate il 117 e richiedete l'intervento di una pattuglia oppure chiamate un vostro famigliare o conoscente per aiutarvi in queste verifiche.

Redazione | 29 mag 2017 10:00

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'