Accedi
Video in elaborazioneCommenti 2

L'avvocato dei "pizzini" a processo

Avrebbe portato fuori dal carcere dei "pizzini" per conto di un suo cliente: dovrà rispondere di favoreggiamento

Dovrà comparire lunedì prossimo davanti alla Corte delle Assise Correzionali di Lugano per rispondere delle accuse di riciclaggio e favoreggiamento. L’uomo, ex-avvocato, nel novembre del 2015, in almeno due occasioni, avrebbe portato fuori dal carcere “pizzini” scritti da un suo cliente, arrestato per malversazioni.

Nei cosiddetti messaggini, secondo il Ministero pubblico, si trovavano in busta chiusa, le istruzioni, con cui il cliente ordinava a persone di sua conoscenza di trasferire almeno sei milioni di euro, per sottrarli al sequestro disposto dalle autorità inquirenti. Il tutto sarebbe avvenuto tramite quattro operazioni.

Operazioni che vennero eseguite in maniera non corretta, spostando più del dovuto, e mandando in rosso il saldo del conto. La banca si accorse del problema, e così l’intera vicenda venne alla luce. Da qui la decisione della procuratrice pubblica capo Fiorenza Bergomi di rinviare a giudizio il legale per i reati di riciclaggio e favoreggiamento.

L’uomo va detto ha sempre respinto ogni addebito. Ora spetterà alla Corte presieduta dal Giudice Mauro Ermani pronunciarsi sul caso.

Guarda il servizio TG di TeleTicino

 

Christian Fini

Redazione | 19 mag 2017 18:45

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'