Accedi
Commenti

"L'OKKIO d'oro" alla Lega... ma anche quello nero

L’Osservatorio per la gestione ecosostenibile dei rifiuti ha deciso a chi attribuire i suoi premi e perché

Per la settima volta OKKIO, l’Osservatorio per la gestione ecosostenibile dei rifiuti, che da vari anni opera nella sensibilizzazione di cittadini e autorità sull’importanza della separazione e del successivo riciclaggio dei rifiuti solidi urbani, assegna il suo attestato di lode, ossia "L’OKKIO d’oro", a chi si distingue nella promozione della gestione ecosostenibile dei rifiuti, e quello di biasimo, ossia "L’OKKIO nero", a chi invece fa il contrario.

Per questo ha deciso di attribuire il primo alla maggioranza del Gruppo della Lega in Gran Consiglio che oggi, sul Mattino della domenica (vedi articoli suggeriti), ha deciso di schierarsi a favore della tassa sul sacco, in votazione il 21 maggio. "L'OKKIO nero" va invece a quella parte del Movimento di Via Monte Boglia che ha deciso di lanciare il referendum.

La consegna degli attestati è prevista venerdì 12 maggio a Ti-Riciclo, la fiera del riciclaggio al Centro esposizioni di Lugano, dove OKKIO e il Comitato di Cittadini e Associazioni per l’ambiente saranno presenti con uno stand per promuovere il "sì" alla Tassa sul sacco e rispondere a tutte le domande che i cittadini desiderano porre loro sul tema.

Per la consegna de "L'OKKIO d’oro", in rappresentanza di tutti gli appartenenti alla Lega che sostengono la tassa sul sacco, sono stati invitati il consigliere di Stato e direttore del Dipartimento del territorio Claudio Zali e il presidente del Gran Consiglio Fabio Badasci. Per la consegna de "L'OKKIO nero", invece, l’invito è stato trasmesso al primo firmatario del referendum, ossia Attilio Bignasca.

Redazione | 7 mag 2017 19:10

Articoli suggeriti
Così la maggioranza del gruppo Lega in GC, che si schiera contro la base del partito che aveva lanciato il referendum
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'