Accedi

Il Mendrisiotto piange Fabrizio

Il 44enne ucciso davanti a una discoteca di Gordola aveva due figli e lavorava come direttore in una ditta di Stabio

Sta suscitando profondo cordoglio nel Mendrisiotto la notizia del decesso, avvenuto ieri all'Ospedale Civico di Lugano, del 44enne colpito sabato mattina sulla rampa di accesso di una discoteca di Gordola da parte di un 21enne in seguito arrestato con l'accusa di omicidio intenzionale, in subordine omicidio colposo.

L'uomo, Fabrizio C., era infatti piuttosto noto nella regione. Padre di due figli di 8 e 9 anni, lavorava come direttore presso un importante ditta di Stabio attiva nel settore orologiero.

Uomo solare, generoso e cordiale, non era raro vederlo partecipare agli appuntamenti sociali della regione. Ma l'altra notte purtroppo la sua uscita alla discoteca di Gordola, dove si recava abbastanza frequentemente, si è conclusa in tragedia, per motivi che l'inchiesta condotta dal procuratore pubblico Arturo Garzoni dovrà chiarire.

Alla famiglia di Fabrizio, ai suoi colleghi e ai suoi amici giungano le sentite condoglianze della nostra redazione.

 

Redazione | 24 apr 2017 09:30

Articoli suggeriti
L'uomo picchiato fuori dalla discoteca non ce l'ha fatta. Il giovane aggressore è ora accusato di omicidio
L'aggressore, un 21enne domiciliato a Biasca, è attualmente detenuto nel carcere della Farera
È successo questa notte fuori da una discoteca, un 21enne della Riviera è finito in manette