Accedi
Commenti

Lugano, "tutto in regola con le assunzioni dei dirigenti"

Il Municipio risponde al Gruppo PS, che aveva chiesto lumi su nomine e assunzioni, lamentando "scarsa trasparenza"

Lo scorso 6 febbraio, il consigliere comunale socialista Marco Jermini e i cofirmatari Carlo Zoppi, Demis Fumasoli, Antonio Bassi, Nina Pusterla, Tessa Prati, Raoul Ghisletta e Simona Buri avevano interrogato il Municipio di Lugano sulle assunzioni dei dirigenti della Città (vedi articolo suggerito).

I motivi della richiesta, hanno spiegato gli interroganti, si riassumevano “nella scarsa volontà dell’Esecutivo di fornire informazioni trasparenti sul Programma Nuova Amministrazione (PNA)”, in particolare su alcuni funzionari dirigenti “che prendono come i consiglieri di Stato” e che “sembra siano stati nominati senza rispettare il Regolamento comunale dei dipendenti”.

Gli interroganti avevano quindi chiesto all’Esecutivo luganese di fornire per ognuno dei direttori o capi di Divisione o di Unità di Stato maggiore copia del mansionario, di indicare per ognuna delle Divisioni o Unità di Stato Maggiore il nominativo del direttore o capo con il suo titolo di studio, da quando esattamente esso è in carica come direttore o capo, se esso è “nominato” o “incaricato per funzione stabile” o al limite “incaricato per funzione temporanea”, quando esattamente è stato pubblicato il relativo concorso pubblico agli albi comunali e sul Foglio Ufficiale, fornendo in merito evidenza probante e quanti erano i concorrenti che hanno partecipato allo specifico concorso pubblico  e infine di commentare eventuali singole anomalie o irregolarità relative alle procedure di nomina o incarico avvenute dal 1998 ad oggi.

L'Esecutivo luganese ha risposto in data odierna, ricordando come si intenda perseguire la via della trasparenza. "Il Municipio orienterà la Commissione4 della Gestione su questi argomenti durante un apposito incontro, congiuntamente alla presentazione del Consuntivo 2016".

Nella sua risposta l'Esecutivo luganese rammenta che i mansionari dei relativi responsabili di Divisione o Unità di stato maggiore sono consultabili dagli interroganti stessi presso l'Ufficio risorse umane, previa autorizzazione municipale.

Anche per quel che riguarda la seconda domanda, il Municipio ha nuovamente invitato a consultare i documenti presso la Divisione risorse umane, sempre previa autorizzazione. Riassumendo, è stato reso noto che in 8 casi l'incarico o la nomina del responsabile di Divisione è avvenuta tramite concorso pubblico, il 3 casi la nomina è avvenuta tramite promozione interna, in 5 casi la designazione è avvenuta tramite concorso interno (uno dei 5 dirigenti era stato assunto in precedenza tramite concorso pubblico, gli altri tramite assunzione diretta) e in 5 casi, infine, la nomina è avvenuta in seguito a modifiche organizzative interne.

"Questa diversità - spiega il Municipio - riflette la volontà di valorizzare le risorse cresciute internamente ma anche la realtà di un'amministrazione in costante evoluzione con necessità, a volte, di agire con celerità e flessibilità sfruttando anche la mobilità interna".

Infine, rispondendo all'ultima domanda, il Municipio evidenza come in 6 casi vi sia stata un'assunzione diretta dopo il 1998. "In seguito gli interessati sono stati nominati o incaricati tramite concorso interno pubblico".

"In un solo caso l'attuale Direttore non è nominato o incaricato per funzione stabile. In questo caso il rapporto d'impiego è retto da un incarico per funzione temporanea a tempo indeterminato. L'allora Municipio - si legge - aveva deciso di procedere con un'assunzione diretta dopo aver trovato un accordo con l'interessato per il suo impiego alle dipendenze dell'Amministrazione comunale".

Redazione | 21 apr 2017 17:02

Articoli suggeriti
Il Gruppo PS interroga il Municipio: "Ci sono state nomine senza rispettare il Regolamento comunale dei dipendenti?"
Un cittadino ricorre contro alcune misure sulle assunzioni: "Decisione illegale e arbitraria di un organo incompetente"
Il Consiglio comunale lo ha approvato con gli emendamenti proposti dalla Gestione. Assunzioni da mettere a concorso
Lugano: c'è l'accordo sul rapporto della Commissione della gestione da sottoporre al Municipio. Ma con delle riserve
Nel mirino della sinistra, in particolare, le "assunzioni senza concorso". In Gestione una pioggia di emendamenti
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'