Accedi
Commenti

Suicidio assistito, Chiasso vuole fare chiarezza

Il Municipio ha inoltrato un ordine di sospensione alle due associazioni. Ma gli esiti potrebbero essere differenti

Il Municipio di Chiasso ha deciso di inoltrare, a titolo cautelare, un ordine di sospensione di ogni attività alla LL EXIT, associazione insediata al numero 92 di Corso San Gottardo. Associazione finita alla ribalta della cronaca per aver praticato il suicidio assistito senza la dovuta licenza edilizia.

Un secondo ordine di sospensione è stato inoltrato all’Associazione Carpe Diem, che ha richiesto di praticare il suicidio assistito in una zona a destinazione commerciale-industriale della cittadina di confine. In questo caso, a differenza della LL Exit, il Municipio vuole approfondire la richiesta.

La volontà dell’Esecutivo, in ogni caso, è evitare il proliferarsi di questo tipo di attività.

Nel servizio di Teleticino l'intervista alla municipale Sonia Regazzoni

Redazione | 21 feb 2017 19:15

Articoli suggeriti
L'Associazione dei Liberi pensatori difende l'arrivo di una struttura a Chiasso: "In Ticino mancano soluzioni"
Giorgio Fonio (PPD) interroga il Municipio dopo alcune segnalazioni di privati cittadini su una possibile attività abusiva
Richiesta l'autorizzazione per realizzare una struttura dedicata al suicidio assistito nella città di confine
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'