Accedi
Commenti 12

"Ada Marra svende il passaporto"

Chiesa accusa la socialista di "scarsa lungimiranza", difendendo la scelta dell'UDC: "Burqa è solo un simbolo"

Cosa c'entra una donna velata con gli stranieri di terza generazione? A chiederselo, la socialista vodese Ada Marra (vedi SUGGERITI), che ha deciso di offrire 2'000 franchi a chiunque saprà trovare una donna straniera di terza generazione che indossi il burqa.

Radio3i ha chiesto allora al Consigliere nazionale Marco Chiesa (UDC) un commento su quanto affermato dalla collega a Berna: "Trovo estremamente preoccupante che Ada Marra faccia finta di non accorgersi di cosa stia succedendo nel nostro paese. Dovrebbe sapere che facciamo delle leggi valide non solo per l'oggi, ma anche per il domani."

Ma come risponde alla questione secondo cui il burqa c'entrerebbe ben poco con la votazione in oggetto? "Il burqa è un simbolismo di un'integrazione non riuscita, noi siamo attenti anche ad altri fenomeni legati all'islam come ad esempio non dare la mano a una maestra e o i corsi nuoto per ragazze mussulmane - ha dichiarato il democentrista ai microfoni della radio di Melide - Sono elementi preoccupanti, noi non vogliamo agevolare le naturalizzazioni, non ne abbiamo bisogno: ne facciamo 40mila all'anno e credo siano sufficienti."

Ascolta QUI l'intervista integrale a Marco Chiesa

 

Redazione | 11 gen 2017 16:37

Articoli suggeriti
Ada Marra è pronta a pagare, dopo che l'UDC ha usato una donna velata nella campagna sulle naturalizzazioni
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'