Accedi
Commenti 8

Odescalchi: "La responsabilità è del comune"

Beltraminelli risponde all'appello di Sonia Regazzoni: "Non siamo noi a decidere dove collocare le persone in assistenza"

Il futuro del quartiere Odescalchi è nelle mani del comune di Chiasso. Almeno secondo il ministro Paolo Beltraminelli, chiamato in causa settimana scorsa dalla capodicastero sicurezza del comune. Sonia Regazzoni, lo ricordiamo, è uscita allo scoperto dopo l’incendio e l’arresto di tre persone nel giro di 48 ore. Fatti tutti avvenuti nel palazzo, già teatro l’anno scorso dell’omicidio del 35enne portoghese.

“Basta collocare persone in assistenza a Chiasso” è stato l’appello della municipale, convinta che concentrarle tutte nello stesso luogo fomenti ancor di più il disagio. Pronta la replica di Beltraminelli che, pur dicendosi aperto al dialogo, chiarisce: “Non siamo noi a scegliere dove alloggiare le persone sussidiate”.

Scopri tutti i dettagli nel servizio di TeleTicino

Redazione | 29 nov 2016 18:45

Articoli suggeriti
Dopo i tre fermi e l'incendio, la capo dicastero sicurezza Sonia Regazzoni chiede un incontro con il DSS
Non si placano le controversie attorno al "laboratorio della droga": arrestata una coppia che ha violato i sigilli
Dai primi rilevamenti sembrerebbe emergere un ipotesi che ha dell'incredibile
La consigliera comunale PPD Patricia Wasser Polit interroga il Municipio: "Quali misure per evitare il degrado della zona?"
Nell'appartamento bruciato ieri a Chiasso, la Polizia aveva trovato stupefacenti, armi e oggetti di dubbia origine
Questa mattina un blitz della Polizia nell'appartamento incendiato. Un vicino: "Pensavo avessero ammazzato qualcuno"
Le fiamme si sono sprigionate da un appartamento. Palazzo evacuato e tre persone leggermente intossicate
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'