Accedi
Commenti 33

"Prima i nostri o prima gli aperitivi all’estero?"

Bignasca interroga sulle spese di un viaggio del Governo a Bruxelles: "Perché c'erano Gianella e Quattrini?"

"Prima i nostri o prima gli aperitivi all’estero?" Questo il titolo dell'ultima interrogazione del deputato leghista Boris Bignasca in merito ai costi di un viaggio effettuato dal Governo a Bruxelles in occasione della serata dedicata al nostro paese a fine settembre. 

"Da un comunicato stampa diramato dalla cancelleria per presentare la serata Svizzera a Bruxelles" scrive Bignasca, "si evince che la delegazione ticinese era composta oltre che dal Presidente del Governo Paolo Beltraminelli, dal Consigliere di Stato Manuele Bertoli, dal Cancelliere di Stato Arnoldo Coduri, dal vicepresidente del Gran Consiglio Walter Gianora e dal Delegato per i rapporti confederali e transfrontalieri Francesco Quattrini e da rappresentanti del mondo turistico, economico e di altri servizi dell'amministrazione cantonale. Una folta delegazione volata a Bruxelles, e per di più accompagnata da un pensionato illustre, Giampiero Gianella. Un viaggio che sicuramente avrà generato dei costi non indifferenti a carico dell'Amministrazione cantonale e quindi a carico dei cittadini".

Bignasca ricorda che nelle scorse settimane il Gran Consiglio ha discusso e approvato le misure contenute nella manovra di risanamento finanziario, che ha l'obiettivo di riequilibrare le finanze cantonali entro la fine della legislatura e nella quale vengono chiesti sacrifici anche ai cittadini. "Come ho già avuto modo di ribadire prima" sottolinea il granconsigliere leghista, "durante e dopo il dibattito parlamentare nella manovra bisognava tenere conto pure di una serie di ulteriori punti come la razionalizzazione di alcuni servizi e la diminuzione ulteriore di alcune uscite del Cantone. Punti sui quali ci impegneremo ancora per cercare di evitare lo spreco di denaro dei contribuenti".

Fatte queste premesse, Bignasca pone le seguenti domande al Governo: 

1. Quanti sono i viaggi di rappresentanza dell'autorità cantonale all'estero?
2 A quanto ammonta il totale delle spese per questo viaggio di lavoro a Bruxelles?
3. Chi coprirà il costo del viaggio per il segretario della regio insubrica Giampiero Gianella?
4. Sulla base di quale criterio è stato ritenuta necessaria la partecipazione di un rappresentante della regio insubrica oltre che del delegato cantonale per i rapporti transfrontalieri? Non è emersa una sovrapposizione di ruolo?

Redazione | 18 ott 2016 16:04

Articoli suggeriti
Beltraminelli racconta che oltre 800 persone hanno partecipato, ieri, alla serata ticinese. FOTO
Una delegazione dal Ticino si recherà nella capitale belga per presentare a tutta Europa il nostro Cantone
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'