Accedi
Commenti 2

"Cosa ci fa ancora lì Emilio Bianchi?"

Buri e Fumasoli presentano un'interrogazione molto critica sull'operato di direzione e CdA di Lugano Airport

"Tutti presi con il LAC, ma forse è il disagio di molti dipendenti di Lugano Airport che dovrebbe richiamare l’attenzione della politica cittadina."

Lo scrivono i consiglieri comunali Simona Buri (PS) e Demis Fumasoli (PC) in un'interrogazione rivolta al Municipio di Lugano, con la quale chiedono di fare chiarezza sulla situazione di malessere tra i dipendenti dello scalo cittadino.

"Nelle ultime settimane" scrivono Buri e Fumasoli, "abbiamo assistito a diverse prese di posizioni e comunicati stampa, tra i quali l’ultimo del sindacato UNIA, tutti facenti risaltare la situazione del personale di Lugano Airport SA (LASA) e le sue condizioni di lavoro, che stando a quest’ultimo comunicato di UNIA hanno portato a “un clima di lavoro insostenibile, fatto di continue minacce e pressioni nei confronti di un numero crescente di dipendenti”. Il CdA per contro nella sua riunione dell’8 settembre 2016 ha rinnovato la totale fiducia al direttore Alessandro Sozzi, ma nuove dichiarazioni del sindaco Marco Borradori ai microfoni di Teleticino, venerdì 16 settembre sembrano smentire totalmente sia il direttore Sozzi che il CdA, spiegando che il disagio c’è e va affrontato."

"A questa confusa situazione" proseguono gli interroganti, "si aggiunge la querelle del direttore del Dipartimento del Territorio Claudio Zali, che rispondendo alle critiche del gruppo PPD del Consiglio Comunale, dalle colonne del GdP del 16 settembre, a tono denuncia il Municipio e Angelo Jelmini per la mancanza di una strategia di rilancio a lungo termine arenatasi da diversi anni in Commissione (Stando alle parole del Consigliere di Stato Zali doveva essere presentata nel 2011)."

Alla luce di quanto sopra, Buri e Fumasoli pongono le seguenti domande al Municipio:

"Se è a conoscenza di questa situazione di lavoro pessima e di queste tensioni tra personale e management ed è preoccupato?"

"Quali elementi hanno portato il CdA a rinnovare la fiducia al Direttor Sozzi? È d’accordo con questa scelta e perché?"

"Se non ritiene sia opportuno chiedere al CdA di istituire una commissione di audit esterna ed indipendente, come fatto all’Istituto San Carlo di Locarno, che in 3-6 mesi riporti un quadro completo di Lugano Airport SA? Se no, perché?"

"Se non ritiene necessario, vista la situazione, incontrare i sindacati e la commisione del personale?"

"Come intende agire concretamente per rilanciare l’aeroporto? Vi è un piano strategico pronto?"

"L’art. 18 dello statuto della Lugano Airport SA prevede che i consiglieri del CdA restino in carica 4 anni e siano sempre rieleggibili per un massimo di 3 mandati, fino al compimento del settantesimo anno di età. Rifacendoci a questo articolo, com’è possibile che l’attuale Presidente del CdA Emilio Bianchi sia ancora in carica?"

Redazione | 19 set 2016 14:35

Articoli suggeriti
La direzione assicura di avere l'appoggio di CdA e dipendenti: "Informazioni basate su fatti inesistenti"
L'UDC parla di "situazione imbarazzante" e chiede che fine ha fatto il "messaggio fantasma"
Il sindacato chiede l'intervento di Città e Cantone. "La situazione si sta facendo sempre piu insostenibile"
Il PPD esulta "per la ritrovata tranquillità finanziario dello scalo", ma chiede maggiore impegno al Cantone
Il Consiglio d'amministrazione dello scalo luganese risponde alle accuse e conferma Sozzi e Bianchi
Nel mirino dei socialisti, dopo le accuse di mobbing, il direttore Sozzi: "In 3 anni non ha portato risultati"
Durante l'assemblea di oggi Borradori subentrerà a Jelmini: "Ma non voglio propormi con un sun scià mi"
L'ex presidente della commissione del personale chiede di sospendere la direzione dello scalo luganese
Borradori, che tra una settimana entrerà nel CdA dello scalo, sostiene che "certi principi devono valere anche lì"
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'