Accedi
Commenti 123

"Lunedì penso che ci sarò"

Lisa Bosia Mirra vuole tornare in Gran Consiglio. Per l'inchiesta nei suoi confronti ci vorrà ancora tempo

Ci sarà molto probabilmente anche la deputata socialista Lisa Bosia Mirra, lunedì prossimo a Palazzo delle Orsoline a Bellinzona, per la prima sessione parlamentare dopo la pausa estiva.

Lo ha confermato lei stessa al Corriere del Ticino: "Io sono serena, quindi sì, penso che lunedì sarò in Gran Consiglio" ha dichiarato Bosia Mirra.

Intanto nei confronti della deputata socialista prosegue l'inchiesta per favoreggiamento all'entrata illegale, dopo che lo scorso 1° settembre era stata fermata nei pressi del valico incustodito di San Pietro di Stabio mentre faceva da staffetta a un furgone con a bordo quattro presunti minorenni africani.

Sempre stando al CdT, occorrerà attendere ancora qualche settimana prima di conoscere l'esito delle indagini coordinate dalla procuratrice pubblica Margherita Lanzillo.

Bosia Mirra, che ha riconosciuto le proprie responsabilità, rischia da una semplice multa fino a un anno di detenzione.

Redazione | 14 set 2016 05:25

Articoli suggeriti
Indagato un parlamentare tedesco: ha trasportato un clandestino dal Lago Maggiore alla Germania, nel baule
Il PS torna sul caso Bosia, e scrive a Berna per chiedere un approfondimento sul tema migranti
L'autista del furgoncino nel quale viaggiavano i 4 migranti è stato liberato. Anche lui risulta sempre indagato
Oggi la procuratrice pubblica sta confrontando le versioni della deputata e del 53enne, sul cui fermo dovrà pronunciarsi entro sera
L'eco del fermo della deputata socialista ha fatto il giro del mondo. Anche un sito ungherese ha riportato la notizia
La deputata, difesa dall'avvocato Pascal Delprete, avrebbe più volte infranto la legge ma "per motivi umanitari"
La donna resta tuttora indagata per favoreggiamento all'entrata illegale
Il Partito Socialista prende posizione sul fermo di Lisa Bosia Mirra. "La vicenda non metta a rischio l'impegno umanitario"
Giungono le prime reazioni al fermo della deputata. Tra chi invita a seguirne l'esempio e chi a non offenderla
La legge prevede fino a un anno di carcere. O fino a cinque anni se il passatore ha agito per un'organizzazione
La 43enne stava cercando di far entrare 4 migranti in Svizzera. Oggi il giudice deciderà se confermarne l'arresto
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'