Accedi
Commenti 25

Spunta un emulo di Bosia Mirra

Indagato un parlamentare tedesco: ha trasportato un clandestino dal Lago Maggiore alla Germania, nel baule

In Germania è emerso ieri un caso molto simile a quello che ha visto coinvolta lo scorso 1° settembre la deputata socialista Lisa Bosia Mirra, fermata in dogana mentre cercava di far entrare illegalmente in Svizzera quattro presunti minorenni africani.

Il parlamentare del Bundestag Diether Dehm (Die Linke) ha infatti ammesso di aver aiutato un giovane migrante a fuggire dall'Italia in Germania, trasportandolo di nascosto nel baule della sua auto. Dehm non ha fornito maggiori dettagli sul trasporto, per proteggere il migrante. Si sa però che prima del viaggio, a fine agosto, egli aveva trascorso un paio di giorni presso la sua abitazione di vacanza sul versante italiano del Lago Maggiore, ciò che lascia presumere un passaggio dal Ticino.

Dehm, secondo cui il clandestino da lui trasportato voleva raggiungere il padre in Germania, ha pure pubblicato sul suo profilo Facebook una foto di un ragazzo in un baule e afferma di non essere minimamente pentito di quanto fatto.

“Mi aspetto da tutti la disobbedienza civile" ha detto in un’intervista. "Piuttosto che sottoporre essere umani alla morte per soffocamento o a una lunga marcia per realizzare il tanto agognato sogno del ricongiungimento familiare."

Il parlamentare è ora indagato per traffico di migranti, mentre il giovane clandestino rischia l'espulsione dalla Germania.

Redazione | 13 set 2016 06:33

Articoli suggeriti
Il PS torna sul caso Bosia, e scrive a Berna per chiedere un approfondimento sul tema migranti
L'autista del furgoncino nel quale viaggiavano i 4 migranti è stato liberato. Anche lui risulta sempre indagato
L'eco del fermo della deputata socialista ha fatto il giro del mondo. Anche un sito ungherese ha riportato la notizia
La deputata, difesa dall'avvocato Pascal Delprete, avrebbe più volte infranto la legge ma "per motivi umanitari"
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'