Accedi
Commenti 197

Bosia Mirra confessa: "Non era la prima volta"

La deputata, difesa dall'avvocato Pascal Delprete, avrebbe più volte infranto la legge ma "per motivi umanitari"

Quello interrotto ieri mattina dalle Guardie di confine a San Pietro di Stabio non era il primo viaggio compiuto da Lisa Bosia Mirra e dal suo socio bernese per aiutare dei profughi a entrare in Svizzera.

Durante gli interrogatori di ieri la deputata socialista avrebbe infatti ammesso di aver compiuto diversi viaggi simili in precedenza, ma sempre e solo "per motivi umanitari".

Bosia Mirra, che è stata rilasciata nel tardo pomeriggio di ieri al contrario dell'altra persona fermata, è difesa dall'avvocato Pascal Delprete, dello studio di Paolo Bernasconi.

Quest'ultimo già ieri aveva chiesto che la 43enne fosse scagionata e oggi sul Corriere del Ticino fa un paragone con la vicenda del pastore luganese Guido Rivoir, che negli anni Settanta contribuì all'entrata illegale in Svizzera di circa 400 profughi cileni. Nel 1974, ricorda il legale, il procuratore pubblico Mario Luvini aveva archiviato il procedimento nei confronti del pastore, che era quindi stato prosciolto da tutte le accuse. Secondo l'avvocato Bernasconi tale ragionamento andrebbe applicato anche per Bosia Mirra, dato che ha agito "per motivi onorevoli".

Redazione | 2 set 2016 06:29

Articoli suggeriti
La donna resta tuttora indagata per favoreggiamento all'entrata illegale
L'opinione pubblica si divide tra sostenitori e contestatori. Dopo una giornata di interrogatori è stata intanto rilasciata
Il Partito Socialista prende posizione sul fermo di Lisa Bosia Mirra. "La vicenda non metta a rischio l'impegno umanitario"
Giungono le prime reazioni al fermo della deputata. Tra chi invita a seguirne l'esempio e chi a non offenderla
La legge prevede fino a un anno di carcere. O fino a cinque anni se il passatore ha agito per un'organizzazione
La 43enne stava cercando di far entrare 4 migranti in Svizzera. Oggi il giudice deciderà se confermarne l'arresto
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'