Accedi
Commenti 4

Via Odescalchi, la vittima non era sola

Sul luogo dell'omicidio di Chiasso pare fosse presente anche il clan degli albanesi, amico del portoghese

Lunedì era attesa la consegna della perizia balistica relativa all'omicidio dell'8 ottobre scorso in Via Odescalchi. Gli inquirenti, come riferisce il Corriere del Ticino, non potranno però ancora contare sulle risposte fornite dal referto poiché gli esperti che ci stanno lavorando a Zurigo hanno chiesto una proroga a causa delle riprese non ottimali degli impianti di videosorveglianza. Di qui la necessità di ulteriore tempo, fino a fine gennaio, per decifrare le immagini e capire da chi siano partiti i colpi dei cinque bossoli di proiettile rinvenuti sul luogo del crimine.

Intanto però sulla vicenda emerge un nuovo importante elemento. Secondo quanto riportato dallo stesso quotidiano ticinese, le immagini a disposizione delle autorità mostrerebbero l'arrivo, negli attimi precedenti il delitto, di una macchina appartenente al clan albanese vicino al portoghese. All'origine del confronto sfociato in tragedia vi sarebbe stato, lo ricordiamo, un diverbio avvenuto qualche sera prima nel Luganese tra la gang ora in prigione e i rivali albanesi.

Resta in ogni caso ancora da appurare se e in che modo il clan amico del 35enne abbia preso parte alla sparatoria.

Redazione | 10 dic 2015 06:18

Articoli suggeriti
L’interrogatorio con la moglie della vittima potrebbe segnare una svolta nelle indagini. Il portoghese temeva per i suoi cari
Gli inquirenti hanno interrogato la consorte grazie alla quale potrebbero aprirsi nuovi scenari sul delitto
Le persone accusate di favoreggiamento hanno potuto uscire dal carcere, ma restano indagate
La cerimonia si terrà alle 14 nella cappelletta del cimitero di Chiasso. Intanto prosegue l'inchiesta sull'omicidio
Forse un sesto uomo sulla scena del crimine in Via Odescalchi. Le immagini video aprono nuovi scenari
Uno degli arrestati si professa estraneo all'omicidio, sostenendo che per lui, in programma, ci fosse solo una serata al Maxim
Un 32enne cittadino svizzero è stato fermato dagli inquirenti. Nei suoi confronti si ipotizza il reato di favoreggiamento
Confermata oggi la carcerazione preventiva delle cinque persone arrestate per l'omicidio di via Odescalchi
Il sindaco Moreno Colombo ribatte alle critiche di alcuni abitanti dopo l'omicidio a Chiasso
Un'altra persona è finita in manette per l'omicidio di un 35enne portoghese. Si cercano ora altri complici
Il movente non sarebbe legato al mondo della prostituzione, bensì a quello della droga
Chiasso è sotto shock per l'omicidio di ieri sera, molto probabilmente legato al mondo della prostituzione.
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'