Accedi
Commenti 115

È stato l'investitore di Paradiso

A sparare al 35enne portoghese, ieri sera a Chiasso, sarebbe stato il 26enne italo-brasiliano che investì un poliziotto

Emergono nuovi clamorosi sviluppi nell'inchiesta sull'omicidio di un 35enne portoghese avvenuto ieri sera in via Odescalchi a Chiasso.

Inizialmente vi abbiamo riferito del fermo di due albanesi, con i quali il 35enne aveva avuto un litigio alcuni giorni fa.

Ebbene, l'informazione era corretta, ma solo in parte.

Le prime due persone finite in manette in relazione all'omicidio (nel frattempo ne è stata fermata una terza) sono sì straniere, ma non albanesi. Uno è di origini brasiliane, l'altro ucraine.

E c'è un dettaglio clamoroso: secondo nostre informazioni, uno dei due sarebbe il 26enne italo-brasiliano che il 3 marzo scorso investì un agente della Polizia comunale di Paradiso con il suo SUV.

Arrestato, era stato scarcerato dopo pochi giorni e condannato nel giugno scorso a una pena di sei mesi di carcere sospesi condizionalmente per cinque anni.

Il coinvolgimento del 26enne italo-brasiliano resta in ogni caso in attesa di conferma da parte del Ministero pubblico, che dovrebbe diffondere un comunicato stampa nelle prossime ore.

Redazione | 9 ott 2015 15:02

Articoli suggeriti
Un'altra persona è finita in manette per l'omicidio di un 35enne portoghese. Si cercano ora altri complici
Dopo aver freddato il 35enne portoghese, i due killer sarebbero andati a bere qualcosa al bar
Carcere sospeso per il 26enne che si scagliò contro un poliziotto della Comunale di Paradiso
È uscito dal carcere il 26enne che il 3 marzo a Paradiso ferì un agente urtandolo volontariamente con il suo SUV
Lo ha deciso il giudice dei provvedimenti coercitivi. L'uomo aveva investito volontariamente un poliziotto
Il poliziotto ha riportato diverse lesioni. Il conducente, un 26enne straniero, è fuggito ma è stato fermato poche ore dopo. Confermato oggi l'arresto
È stato identificato il cadavere rinvenuto ieri in via Odescalchi. L'uomo era domiciliato a Chiasso
Il movente non sarebbe legato al mondo della prostituzione, bensì a quello della droga
La capodicastero sicurezza di Chiasso sull'omicidio di ieri. "È inutile fare dietrologia, lasciamo lavorare gli inquirenti"
Chiasso è sotto shock per l'omicidio di ieri sera, molto probabilmente legato al mondo della prostituzione.
Un cadavere con ferite d'arma da fuoco è stato rinvenuto in via Odescalchi, a pochi metri dal locale a luci rosse Maxim
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'