Accedi
Commenti 2

Via libera alla cooperazione Darwin-Etihad

L'UFAC ha concluso che le regole relative al controllo e ai rapporti di proprietà sono rispettate. Merlo: "La partnership ci garantirà stabilità finanziaria"

La compagnia aerea regionale ticinese Darwin Airline ha ottenuto l'autorizzazione di avviare una cooperazione con la Etihad. Lo comunica oggi in una nota stampa l'Ufficio federale per l'aviazione civile (UFAC), che dopo aver eseguito un esame del dossier ha concluso che le regole relative al controllo e ai rapporti di proprietà sono rispettate.

Grazie al nuovo modello aziendale della Darwin, la dipendenza operativa dalla Etihad ha potuto essere ridimensionata notevolmente. In futuro la compagnia Darwin potrà effettuare, oltre ai propri collegamenti commerciali, voli verso destinazioni europee per conto di Alitalia e Air Berlin. Qualora le condizioni di cooperazione mutassero in misura essenziale, l'UFAC procederebbe a una nuova valutazione del caso.

"Dopo il nostro ultimo incontro tenutosi nel mese di febbraio, eravamo sicuri di un riscontro positivo da parte dell’UFAC e che approvasse il nostro accordo con Etihad Airways", ha commentato Maurizio Merlo, CEO di Darwin Airline. "Abbiamo presentato il nostro nuovo piano industriale con le relative proiezioni finanziarie e l’UFAC ci aveva confermato la loro conformità alle normative europee. Da quando abbiamo annunciato la partnership con Etihad Airways, abbiamo concentrato tutti i nostri sforzi sulla riduzione dei costi e sullo sviluppo di una nuova strategia di business. Abbiamo lavorato a
stretto contatto sia con Etihad Airways che con l’UFAC per fugare tutti i dubbi dell'autorità in merito alla nostra condizione finanziaria e per assicurare che i regolamenti europei fossero pienamente rispettati in tutti i punti della nostra transazione con Etihad Airways. Questa partnership ci garantirà la stabilità finanziaria per una crescita di lungo termine della nostra società, eliminando ogni incertezza dal mercato", ha concluso Merlo. 

Redazione | 2 apr 2015 10:10

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'