Accedi
Commenti 15

"Una volta hanno cercato di farmi fuori"

Ulisse Albertalli parla dello sfratto subito ieri. "Con me i magnaccia non entravano, ma si vede che..."

Colpo di scena ieri all'Oceano di Lugano-Pazzallo: lo storico gerente Ulisse Albertalli è stato defenestrato.

Recatosi come ogni giorno nel suo locale, si è trovato davanti degli agenti di una ditta privata di sicurezza che gli hanno impedito l'accesso. E anche se avesse voluto forzare il passaggio, non sarebbe comunque potuto entrare nel bordello, visto che tutte le serrature sono state cambiate.

Ma come leggere questa mossa a sopresa?

"Con l'avidità di soldi" commenta laconicamente Ulisse Albertalli, da noi raggiunto questa mattina.

Albertalli si dice tranquillo, ha depositato in garanzia le azioni dello stabile ed ha sempre pagato l'affitto nei suoi sette anni di gestione dell'Oceano. Non vede quindi motivo per estrometterlo dalla sua "creatura".

"In sette anni ho portato questo locale dalle ceneri all'olimpo, mi sono battuto in prima persona per difenderlo, mettendoci sempre la faccia" afferma l'ormai ex amministratore dell'Oceano. "E dopo tutti questi sforzi nel 2014 il proprietario mi sfratta? L'ultima cosa che mi sarei aspettato è questa pugnalata nella schiena."

Albertalli ricorda che in passato ha addirittura rischiato la vita, per il suo bordello. "Una volta mi hanno inseguito ed hanno cercato di farmi fuori" racconta.

Sì, perché, riconosce Albertalli, la prostituzione rappresenta un business lucrativo che fa gola a tanti.

"Io, per principio, ho sempre tenuto fuori i magnaccia dall'Oceano" afferma Albertalli. "Sono sempre stato chiaro e corretto con le autorità, rispettando le regole e impedendo che persone senza scrupoli potessero lucrare sulle ragazze. Ma evidentemente c'è a chi questo comportamento non va bene."

Ora Ulisse Albertalli valuterà il da farsi con i suoi legali. "C'è il rischio che l'Oceano torni ad essere come era prima della chiusura del 2005" afferma. "Ma io sono nato nel segno dell'ariete. E sono un combattente che va in guerra e si arrende solo quando lo portano via tra quattro assi."

AS

 

Redazione | 8 ott 2014 10:13

Articoli suggeriti
Clamoroso, ieri mattina al Bar Oceano: il "pioniere dei bordelli" ha trovato agenti privati a sbarrargli la strada. Lui tuona: "È un golpe"
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'