Accedi16/24°

Barra: fuga in avanti sui padroncini

Il Direttore del DT ha commissionato una ricerca sull'impatto dei padroncini senza consultarsi con i colleghi del Consiglio di Stato

In governo, sembra che valga il detto chi fa da sé fa per tre. Un adagio che pare abbia contagiato anche Michele Barra.
Il direttore del Dipartimento del Territorio ha infatti convocato la stampa venerdì 26 luglio per la presentazione di uno studio il cui titolo lascia poco spazio ad interpretazioni e all’immaginazione: “Padroncini e distaccati, una situazione da correggere”.

Un rapporto commissionato e pagato proprio da Barra. L’obiettivo? Individuare le misure per contenere le ricadute negative di quella che è considerata l’invasione di indipendenti stranieri. Con buona pace per il documento organico interdipartimentale annunciato in pompa magna lo scorso 29 maggio. La ricerca doveva offrire l’analisi di dati, aspetti e problemi causati da padroncini e distaccati nel nostro Cantone. In pratica con lo stesso scopo dello studio di Barra.

Il direttore del Dipartimento del Territorio ha dribblato gli altri Consiglieri di Stato e, prendendo la rincorsa, ha fatto un balzo in avanti. Pazienza se i suoi colleghi, di questo rapporto del DT non ne sapevano nulla. Ma non è il solo.

Infatti, tra chi propone tagli per un dipartimento che non è il suo, chi contro il parere dei colleghi vorrebbe aumentare le imposte, chi commissiona studi e convoca conferenze stampa senza avvisare i colleghi, sembra che la collegialità abbia fatto le valigie per lasciare Palazzo.
minols | 24 lug 2013 18:56