Accedi13/22°

Ex docente delle elementari in carcere per pedofilia

Luganese: Il presunto pedofilo è accusato di reati sessuali su minorenni. Alex Pedrazzini a Radio3i: "All'orrore non c'è fine"

Alex Pedrazzini intervistato da Alessandro Cocca

Un altro caso di pedofilia sale alla ribalta della cronaca in Ticino, dopo quello del presidente della società nuoto di Bellinzona, Flavio Bomio venuto alla luce recentemente nel Bellinzonese (vedi articoli correlati).

Stavolta - anticipa la RSI - è coinvolto un ex docente di scuola elementare. Il presunto pedofilo è stato arrestato lo scorso mese di luglio ed è ancora in galera. E' accusato di reati sessuali su minorenni.

L'uomo ha insegnato per una ventina d'anni nella scuola dove ha commesso gli abusi. Il caso, che è in mano alla procuratrice pubblica Chiara Borelli, è dunque molto delicato. Le vittime sono gli ex allievi, che oggi hanno tra i 22 ed i 25 anni.

La direzione della scuola comunale dove il docente, ora in pensione, ha insegnato per anni è informata dell'inchiesta.

Vista la delicatezza dell'indagine il Ministero pubblico, pur confermandoci i fatti, non rilascia nessuna ulteriore comunicazione. Nei prossimi giorni valuterà se e cosa divulgare.

Alex Pedrazzini: "All'orrore non c'è fine" 

"Fermo restando che si parte dal presupposto di innocenza, direi che all'orrore non c'è fine", commenta il granconsigliere del PPD Alex Pedrazzini al microfono di Radio3i (ascolta l'intervista completa nella sezione audio).

"Se dovessi fare una lista dei reati più squallidi - aggiunge Pedrazzini - direi che sicuramente ci metterei anche un caso come questo. Una persona che, oltre ad essere un adulto, per abusare sui bambini ha anche il potere legato alla funzione".

Pedofilia sui minori di 12 anni perseguibile a vita

Dal primo gennaio prossimo, gli autori di abusi sessuali su fanciulli di meno di 12 anni potranno essere perseguiti a vita. Il Consiglio federale ha posto oggi in vigore per tale data la legge che concretizza l'iniziativa popolare sull'imprescrittibilità di "Marche Blanche".

Per garantire la certezza e l'applicazione uniforme del diritto, le modifiche legislative specificano i concetti di "fanciulli impuberi" e di "reati sessuali o di pornografia". Vengono dunque definiti come impuberi i fanciulli che non hanno ancora compiuto i dodici anni.

Saranno imprescrittibili (punibili per tutta la vita) gli atti sessuali con bambini, la coazione sessuale, la violenza carnale, gli atti sessuali con persone incapaci di discernimento o inette a resistere, se commessi su fanciulli di meno di 12 anni. L'imprescrittibilità varrà anche per gli atti sessuali commessi su persone ricoverate, detenute o imputate, nonché per lo sfruttamento dello stato di bisogno.

Saranno interessati soltanto i delinquenti maggiorenni. Per il materiale pedopornografico, la persona che per ottenerlo abusa di un fanciullo potrà essere perseguita a vita. Lo stesso non dicasi per la persona che è in possesso o vende simile materiale.
joe | 31 ott 2012 21:32

Articoli suggeriti
"Servono norme più severe e una maggiore attenzione da parte dei politici". Sono ben 3 i casi nell'ultimo mese
Da una parte il 69enne ammette solo i fatti accertati, dall'altra le vittime più giovani sono restie a parlare
Una coppia, madre e figlio, ha ricattato Bomio in cambio del silenzio su quanto avveniva in seno alla SNB
Il Consiglio di Stato vuole appurare se sapevano e non hanno parlato. Il loro incarto per ora è congelato
È il risultato della perizia psichica consegnata alle parti. Esisterebbe anche un pericolo di recidiva
La difesa del 69enne ex presidente della Società Nuovo Bellinzona chiede ulteriori chiarimenti
Luganese: Il presunto pedofilo è accusato di reati sessuali su minorenni. Alex Pedrazzini a Radio3i: "All'orrore non c'è fine"
Luganese: Il presunto pedofilo è accusato di reati sessuali su minorenni. Alex Pedrazzini a Radio3i: "All'orrore non c'è fine"
Per l'uomo, in pensione da un paio d'anni, si prospettano anche le accuse di coazione e di pornografia