Accedi16/24°

Case secondarie: da inizio 2013

L'ordinanza in vigore il primo di gennaio. Tra le eccezioni vi sono i rustici. La "soddisfazione" del Governo ticinese

L'ordinanza di applicazione dell'iniziativa sulle residenze secondarie entrerà in vigore il primo di gennaio 2013. Lo ha deciso oggi il Consiglio federale. Tra le eccezioni all'edificazione di nuove case di vacanza per i comuni che hanno già superato la quota del 20% di questo tipo di alloggi vi sono i rustici finora utilizzati a scopo agricolo.

Un'altra eccezione è ammessa se la licenza di costruzione prevede esplicitamente la creazione di "letti caldi", indica un comunicato del Consiglio federale. Concretamente ciò significa che le abitazioni vengano messe a disposizione di clienti alle usuali condizioni di mercato ed esclusivamente per soggiorni di breve durata. Tali locazioni dovranno avvenire nel quadro di forme di alloggio strutturate oppure essere offerte da proprietari che vivono nello stesso edificio.

L'ordinanza ammette cambiamenti di destinazione anche per le abitazioni primarie: "eventuali limitazioni riguardanti edifici già costruiti o autorizzati" prima dell'11 marzo scorso, quando l'iniziativa "Basta con la costruzione sfrenata di abitazioni secondarie!" è stata accolta in votazione, "richiederebbero una base legale perché inciderebbero sulla garanzia della proprietà, che è protetta dalla Costituzione".

L'ordinanza stabilisce che un cambiamento di destinazione è giustificato quando è in relazione a un trasferimento di domicilio o di stato civile oppure a un'eredità. Il testo vieta tuttavia esplicitamente cambiamenti di destinazione di abitazioni esistenti, ad esempio la vendita come abitazioni di vacanza di una casa primaria se ciò comporta la costruzione di una nuova abitazione. L'ordinanza consente anche di trasformare immobili alberghieri esistenti in abitazioni secondarie non sfruttate a scopi turistici qualificati.

Decidendo per un'entra in vigore dell'ordinanza il primo gennaio 2013, e non il prossimo primo settembre come ventilato dallo speciale gruppo di lavoro incaricato di interpretare giuridicamente l'iniziativa, il Consiglio federale ha dato seguito agli appelli dei cantoni alpini e dei promotori immobiliari. Un'entrata in vigore tra pochi giorni avrebbe messo fine all'esplosione di richieste di permessi di costruzione nelle zone turistiche delle ultime settimane.

La "soddisfazione" del Governo ticinese
 
Il Consiglio di Stato ha appreso durante la seduta odierna della decisione del Consiglio federale in merito all’ordinanza sulle residenze secondarie. L’ordinanza riprende le principali richieste che il Ticino - in concertazione con gli altri Governi dei Cantoni alpini - aveva formulato all’attenzione dell’autorità federale lo scorso mese di giugno.
 
Il Governo esprime "soddisfazione, in particolare, per la decisione di rispettare i diritti acquisiti per le abitazioni esistenti al momento dell’approvazione dell’iniziativa, che potranno pertanto essere trasformate da primarie a secondarie, e viceversa, nella misura in cui i Piani regolatori lo consentono".

Soddisfazione è pure espressa "per l’esclusione dei rustici dal campo d’applicazione dell’ordinanza, come per la possibilità di autorizzare la costruzione di nuove abitazioni da affittare a scopi di vacanza (letti caldi) nel quadro di strutture turistiche organizzate o da parte dei proprietari che abitano nello stesso stabile. Un ulteriore contenuto importante è la possibilità di trasformazione per gli alberghi che non sono più redditizi e che sarebbero altrimenti destinati alla decadenza".

Il Consiglio di Stato apprezza, infine, "la decisione del Governo federale di porre in vigore l’ordinanza il 1° gennaio 2013, anziché all’inizio di settembre. Ciò permetterà di gestire le domande di costruzione pendenti sulla base del diritto in vigore al momento dell’accettazione dell’iniziativa".

Un ultimo "aspetto positivo dell’ordinanza adottata oggi è la sicurezza giuridica che si crea verso i Comuni, i Cantoni e tutti i proprietari interessati, nell’attesa di una legge d’applicazione c
joe | 22 ago 2012 17:08

Articoli suggeriti
Contrariamente al Vallese, il canton Berna, il Ticino e i Grigioni in linea di massima accettano il progetto d'ordinanza transitoria
Le discussioni governative sulle possibili eccezioni - come per esempio per i rustici ticinesi - proseguiranno tra una settimana
Marco Borradori ha annunciato che l'Ufficio federale dello sviluppo territoriale ritirerà a breve il suo ricorso