Accedi0/8°

Ponte Capriasca: patria del 'rugby seven'

Nella Svizzera italiana si promuove il 'rugby seven', nuova disciplina olimpica a Rio 2016

Si e' conclusa, con uno stage tecnico che a fine luglio ha portato a Lugano una trentina di rugbisti ticinesi e italiani, la prima stagione agonistica dell'Associazione Sportiva 'Svizzera Italiana Rugby Sevens' (www.7sirs.ch).

Il club, fondato nel 2011 presso la 'Trattoria del Cenacolo - Terzo Tempo' a Ponte Capriasca (attuale sede dell'associazione e punto di ritrovo degli appassionati della palla ovale ticinesi), mira a promuovere la variante olimpica del rugby, il 'rugby a sette', attraverso diverse iniziative. Tra queste la creazione di selezioni svizzere-italiane per la partecipazione a tornei in Europa.

Il momento clou di questa prima stagione e' stata la partecipazione ad un importante torneo a Belgrado dove i 7 Sirs, senza affatto sfigurare, hanno avuto modo di confrontarsi con squadre provenienti da tutto il continente, incluse alcune rappresentative nazionali. Da segnalare anche il secondo posto conquistato all'ArenaSevens di Verona dai ragazzi allenati da Gianfranco Viola, gia' campione d'Italia con la Benetton Treviso alcun anni fa.

Infine, una curiosità: ogni anno i 'Sirs' collaborano con un ente non profit allo scopo di promuoverne l'immagine e la raccolta fondi; nel 2012 il partner e' 'Emergency Svizzera' (www.emergencych.org), la cui sede principale e' proprio in Ticino.
joe | 19 ago 2012 17:35