Accedi11/23°

Bellinzona: San Giovanni, fuga di pezzi grossi

Sono già quattro le figure di primo piano che hanno lasciato l'ospedale bellinzonese. Ma non c'é allarmismo

L’Ospedale San Giovanni di Bellinzona non è più un posto di lavoro appetibile? L’impressione sarebbe questa, visto che ultimamente sono stati diversi i primari e responsabili di servizi che hanno dato le dimissioni. Secondo quanto riporta laRegione sono già quattro i medici che lasceranno l’ospedale bellinzonese.

Si tratta di Eliana Cauzza (radiologa specializzata in senologia) e Leda Leoncini (ematologia) , due dottoresse con grande esperienza. Prima di loro è stato il primario di ginecologia e ostetricia nonché di senologia Lucio Bronz. La quarta defezione invece riguarda il primario di chirurgia pediatrica Mario Mendoza Sagaon, il quale era stato nominato solo lo scorso 17 febbraio.

Mario Bianchietti, direttore sanitario da noi contattato, tuttavia tiene a rassicurare: "Certo, siamo molto tristi in quanto partono professionisti molto in gamba. Per quel che concerne il dottor Bronz lo abbiamo già sostituito con la dottoressa Claudia Canonica, che proviene da Zurigo".

"Per gli altri - continua Bianchetti - ci stiamo attivando per sostituirli tutti. Non è facile trovare tutte le figure in Svizzera, ma per il nostro caso posso dire che con molta probabilità saranno professionisti con un curriculum elvetico".

Il problema potrebbe risiedere nel fatto che spesso i professionisti lasciano il pubblico per il privato. Bianchetti ci dice che anche in questo caso con molta probabilità i quattro professionisti andranno a lavorare nel privato, ossia fuori dall'Ente Ospedaliero Cantonale.

MM

 

minols | 14 ago 2012 12:28