Accedi16/24°

Delitto di Daro: sarà appello

Mario Branda, rappresentante della madre e della sorella di Arno Garatti, depositerà nei prossimi giorni la dichiarazione

I familiari di Arno Garatti, l'uomo ucciso a Daro il 1. luglio 2011 hanno deciso di ricorrere in appello contro la sentenza che ha assolto sia la madre del 17enne autore del delitto sia l’uomo che aveva venduto l’ascia al ragazzo. Ascia servita per compiere l’omicidio. Lo riferisce il Corriere del Ticino.

La dichiarazione di appello verrà depositata tra domani e lunedì da Mario Branda, patrocinatore di parte civile. Anche la procuratrice pubblica Marisa Alfier ha già depositato la dichiarazione di appello. L'accusa aveva infatti richiesto l’ergastolo sia per la madre del ragazzo sia per il commerciante.

Branda ha spiegato perché la sorella e la mamma di Garatti hanno deciso di appellarsi: "L'obiettivo in questo momento è quello di mantenere aperta ogni possibile via per giungere ad ottenere giustizia".
minols | 10 ago 2012 08:17

Articoli suggeriti
L’accusa ha chiesto alla Corte, presieduta dal giudice Claudio Zali, l’ergastolo per la vedova Mitra Djordjevic e per Mario Paiva
La madre del ragazzo che uccise Arno Garatti è stata prosciolta dall'accusa di essere la mandante dell'omicidio
La pp Marisa Alfier ha ricorso contro l'assoluzione della madre del minorenne e del negoziante che gli ha venduto l’ascia
L'uomo è stato l'unico dei tre imputati ad essere condannato. Inflitti 12 mesi per favoreggiamento