Accedi13/24°
Sfoglia la galleryGuarda il video

Brontallo: turista annega nella Maggia

Verso le 15.00 un giovane turista tedesco di 17 anni si è tuffato in una gola e non è più riemerso

L’allarme è scattato attorno alle 15.00. Un giovane turista - un 17enne residente in Germania - dopo essersi tuffato in una bolla del fiume Maggia, nei pressi di Brontallo, non è più riemerso dalle acque.

Sul posto sono intervenuti i sub della polizia lacuale i soccorritori della Rega e agli agenti del reparto mobile della polizia cantonale. Attorno alle 16.00 il corpo senza vita del giovane è stato localizzato e ripescato dai sub.

La polizia, con una nota stampa, rinnova l'invito ai bagnanti a seguire le regole indicate dalla Società svizzera di salvataggio e da fiumi più sicuri:

• non lasciare bambini incustoditi vicino alla riva poiché non riconoscono i pericoli
• non entrare mai in acqua in preda all'alcool o droghe! Non nuotare mai a stomaco pieno o completamente vuoto;
• non tuffarti sudato in acqua: il tuo corpo deve gradualmente abituarsi;
• non tuffarti in acque torbide o sconosciute: le situazioni sconosciute presentano pericoli;
• materassini e oggetti gonfiabili ausiliari per il nuoto non devono essere usati in acque profonde: essi non danno alcuna sicurezza;
• non nuotare lunghe distanze da solo: anche il corpo meglio allenato può avere debolezze
• in canotto si deve portare il giubbotto di sicurezza!
• non superare il peso massimo indicato sul canotto!
• non legare assieme i canotti: non sono più manovrabili.
• segmenti di fiume sconosciuti devono essere perlustrati prima della partenza.
• solo buoni nuotatori allenati possono avventurarsi in acque libere (laghi, fiumi).
• un eccessivo raffreddamento può provocare crampi. Più l'acqua è fredda e meno si dovrebbe rimanere.
eleonora | 8 ago 2012 20:55