Accedi14/25°

Omicidio Daro: colpo di scena, assolta la madre

La madre del ragazzo che uccise Arno Garatti è stata prosciolta dall'accusa di essere la mandante dell'omicidio

Colpo di scena al processo per l'omicidio di Daro. Mitra Djiordjevic, la madre del ragazzo che il 1. luglio 2011 trucidò Arno Garatti, è stata prosciolta dall'accusa di aver istigato il figlio a compiere l'omicidio. Quindi non è la mandante. La sentenza è giunta poco fa e a pronunciarla è stato il giudice Claudio Zali.

Anche Mario Paiva l'uomo che ha procurato l'ascia servita al ragazzo per uccidere Garatti è stato prosciolto dall'accusa di correità. Non poteva immaginare cosa avrebbe fatto il giovane con l'ascia. Infine Kenny Fila, accusato di favoreggiamento, è stato condannato a 12 mesi.

Ricordiamo che sia per la madre che per Paiva l'accusa aveva chiesto l'ergastolo, mentre per Fila erano stati chiesti 16 mesi.

minols | 3 ago 2012 18:27

Articoli suggeriti
Da oggi alla sbara il giovane serbo, all'epoca minorenne, che il 1. luglio 2011 trucidò il patrigno Arno Garatti
L’accusa ha chiesto alla Corte, presieduta dal giudice Claudio Zali, l’ergastolo per la vedova Mitra Djordjevic e per Mario Paiva
Così il legale del commerciante portoghese ha definito l’impianto accusatorio della pp Marisa Alfier
Oggi, al processo per il delitto di Daro, ha parlato l'avvocato difensore della madre del presunto assassino di Arno Garatti
La pp Marisa Alfier ha ricorso contro l'assoluzione della madre del minorenne e del negoziante che gli ha venduto l’ascia
Mario Branda, rappresentante della madre e della sorella di Arno Garatti, depositerà nei prossimi giorni la dichiarazione
L'uomo è stato l'unico dei tre imputati ad essere condannato. Inflitti 12 mesi per favoreggiamento
Sfilano in poco più di cento per ricordare la persona di Arno Garatti. Amici e parenti vogliono giustizia