Accedi

Quadri: "Non tutte le ciambelle riescono con il buco"

A causa di una nuova ordinanza municipale in settimana a Lugano le discoteche devono chiudere alle 3.00. I locali notturni insorgono

Questa è un'ordinanza che farà parecchio discutere, un po' come quella del Municipio di Bellinzona di limitare il rumore nei bar a 65 db. Da una parte c'è la quiete pubblica, dall'altra l'economia e i momenti d'aggregazione e di divertimento nei locali pubblici.

Stavolta siamo a Lugano. Dove le nuove regole dell'Or­dinanza municipale sugli esercizi alber­ghieri e sulla ristorazione - che è entrata in vi­gore il 9 giugno - prevede la chiu­sura anticipata dalle 5.00 alle 3.00 per le discoteche e discobar duran­te i giorni feriali (a meno di deroghe in occasione di eventi par­ticolari). Il sabato e la domenica mattina è invece permessa come in passato la chiusura alle 5.

Come scrive stamane il Corriere del Ticino alcuni gerenti di locali notturni però non ci stanno a chiudere due ore prima, specialmente il giovedì sera, che è divenuto un giorno gettonatissimo dagli amanti del­la movida luganese. Sono tanti infatti quelli che il giovedì iniziano dall'aperitivo... e finiscono la serata al NYX, al Club 1, al Living Room o in uno degli altri club che prima di questa ordinanza erano aperti fino alle 5.

Diversi gerenti si sono già mossi con richie­ste di deroga. Il problema è che ormai l'ordinanza - assai in sordina a dire il vero - è stata pub­blicata e nessuno ha fatto ricorso. A questo punto non vanno però escluse eventuali azio­ni legali.

Lorenzo Quadri: "Non tutte le ciambelle riescono con il buco"

"Si tratta, come spesso accade, di dover mediare tra esigenze contrastanti. In questo caso quelle dei gestori dei locali notturni e quelle di chi ci abita nelle vicinanze. Non tutte le ciambelle riescono con il buco e questa non è delle più rotonde. E penso che la situazione attuale non è scolpita nel granito e dunque credo che il Municipio potrà tornare a chinarsi sulla questione", dice a Radio3i il municipale Lorenzo Quadri.

"Il problema - aggiunge Quadri - è sostanzialmente quello del giovedì. E credo che per il giovedì si potrà concordare una soluzione più elastica. In cambio i gestori dovranno però impegnarsi a vigilare sui comportamenti dei loro avventori una volta che sono usciti dai loro locali. Un buon compromesso, senza dimenticare che siamo una città a vocazione turistica".
Adele | 19 lug 2012 20:27