Accedi14/25°

Malcantone: continuano i furti

I ladri si introducono di notte nelle abitazioni. Gli ultimi casi a Sessa e Banco di Bedigliora. Forse si tratta della stessa banda

Altri furti nel Malcantone sulla falsariga di quelli già compiuti un paio di settimane fa. Come riferisce il Corriere del Ticino, i ladri sono entrati in azione forzando le finestre o strappando i cilindri di case nella zona tra Sessa e Banco di Bedigliora.

Solitamente la refurtiva si compone di piccoli oggetti, facili da trasportare e da smerciare in seguito.

Il modus operandi potrebbe far pensare ad una banda organizzata, proveniente da oltre confine, ma le prove non sono certe e la polizia è prudente su questo punto.

Altro punto importante è il fatto che non è detto che questi individui entrino attraverso i valichi “convenzionali”, ma potrebbero anche passare attraverso il cosiddetto confine verde, ossia i boschi che, seppur tenuti sotto controllo costantemente, non permettono una vigilanza capillare ed efficace.

I furti avvengono di notte, con gli inquilini in casa. La polizia consiglia di mantenere la calma per non suscitare reazioni violente da parte dei ladri. Inoltre sono da considerare i soliti accorgimenti, quali la chiusura di porte e finestre, e in caso di ferie, trovare dei sistemi che facciano presumere la presenza in casa di qualcuno.

maxt | 11 lug 2012 11:59