Accedi16/24°

Bellinzona: PPD, Andina se ne va

Il PPD ha preso atto delle dimissioni del suo Presidente. "Ho cercato di dare quanto mi era possibile", dichiara Michele Andina

Nella Direttiva sezionale del 3 luglio 2012 tenutasi all’albergo unione di Bellinzona il PPD ha preso atto delle dimissioni del suo Presidente Michele Andina.

Andina dichiara: "Care e cari popolari democratici, mi spiace innanzi tutto non potervi dire di persona quanto la vice presidente vi sta leggendo ma una brutta influenza mi sta facendo tribolare più del dovuto.
Sono passati quasi 4 anni da quando presi in mano con, non lo nego, un po’ di timore reverenziale, la sezione popolare democratica. La scelta allora andò in controtendenza a quanto mi ero già nel 2008 prefissato di fare, vale a dire “staccare” un po’ dalla politica per dedicarmi maggiormente alla mia vita familiare. Il cuore popolare democratico, ed alcune promesse di aiuto (non del tutto mantenute), ebbero la meglio e allora, come dissi, accettai l’onorifica carica di presidente, con la consapevolezza che l’obiettivo di riconfermare le stesse percentuali di voto che si erano appena raggiunte non sarebbe stata cosa facile."

Per poi concludere: "Ho cercato in questo mandato di dare quanto mi era possibile, cercando sempre ciò che univa piuttosto che ciò che divideva. Il clima politico cittadino non ha certo aiutato a mettere in luce il lavoro svolto dai nostri Municipali.
La nostra società, e Bellinzona ve ne fa parte, è sempre più portata a mettere in luce ciò che può far audience, ciò che fa parlare, e forse è giunta l’ora che il nuovo che verrà ne prenda atto e, se lo riterrà opportuno, metta in atto le misure per sfruttare questo modo di comunicare."
Adele | 10 lug 2012 14:25