Accedi13/22°

"Internet, come bere l'acqua"

Dopo il suicidio del 19enne che non aveva trovato in rete il suo nome tra i promossi, abbiamo chiesto il parere di un esperto

Togliersi la vita perché il proprio nome non appare in internet tra gli allievi promossi all'esame. Quello che è successo ad un 19enne di Losanna, che aveva terminato gli esami di maturità professionale.

Ma lui l'esame lo aveva passato. Il suo nome era stato omesso per errore da un collaboratore del sito ufficiale del Canton Vaud.

Quello che dice internet quindi viene preso come "oro colato" dai ragazzi? Questa cosa fa riflettere se inoltre pensiamo che il ragazzo aveva chiesto conferma ad un docente, ma non ha avuto la pazienza di attendere una risposta. Una risposta che gli avrebbe salvato la vita. Infatti nella bacheca ufficiale della scuola, dove sono stati appesi i nominativi dei promossi, il suo nome c'era.

Abbiamo sentito il parere di un esperto, il dottor Pierre Kahn, psicoterapeuta di Mendrisio, specialista per bambini-adolescenti e famiglie dello studio Nexus.

"Ci sono due aspetti da tenere in considerazione - ci dice l'esperto - uno è un discorso tecnico. Spesso vedo a livello universitario inviano i risultati attraverso internet. È una cosa che oramai è la normalità. Poi c’è l’aspetto dell’uso. Per i ragazzi di oggi usare internet è come bere l’acqua. Noi adulti abbiamo un altro tipo di approccio, più critico, vuoi anche per le esperienze maturate".

Internet dunque come paradigma delle relazioni sociali... "Pensiamo anche solo all’uso di Facebook. Nascono storie d’amore in rete, ma poi spesso finiscono in nulla" continua Kahn.

"Nel caso specifico bisognerebbe vedere bene da dove nasce questa fragilità di fronte alla notizia di una bocciatura. Se prendo dieci ragazzi ai quali viene comunicato via internet di non aver passato l’esame, questi si “incazzano” e vanno a verificare il perché. Non si arriva al gesto estremo. Quindi probabilmente ci sono altri fattori da valutare dietro questa triste storia. L’ho letta anch’io la notizia e sono rimasto di ghiaccio".


marzio.minoli@teleticino.ch

Adele | 5 lug 2012 16:14

Articoli suggeriti
È successo a Losanna. Il ragazzo non ha trovato su internet il suo nome tra i promossi. Ma era un errore
Un 19enne si è tolto la vita credendo di aver bocciato gli esami. Su internet non c'era il suo nome, ma era un errore