Accedi13/24°

Mafia a luci rosse: accoltellatore estradato

Dopo l'accoltellamento di Bissone era stato arrestato in Germania. Intanto arresto confermato per il proprietario del Corona

Il cerchio si stringe. Il ministero pubblico ticiense segnala che uno dei presunti autori della grave aggressione avvenuta a Bissone nel marzo scorso (per saperne di più clicca qui), fermato alcune settimane fa in Germania su mandato d'arresto internazionale, sarà ora a disposizione degli inquirenti ticinesi.

Le autorità tedesche hanno infatti accolto la richiesta di estradizione presentata dall'ufficio federale della giustizia. Come si ricorderà, le motivazioni di quel reato (che aveva provocato il ferimento grave di una persona) sarebbero da ricondurre a screzi nell'ambito della gestione della prostituzione illegale nel nostro cantone.

Sempre nel contesto della lotta a questo genere di criminalità e con riferimento all'operazione "Domino" tuttora in atto, si comunica pure che negli scorsi giorni è stato arrestato il proprietario di uno stabile del Luganese che ospitava un bordello: il Corona di Pambio Noranco (vedi qui). Nei suoi confronti si ipotizzano i reati di usura e promovimento della prostituzione illegale. La decisione, firmata dal procuratore generale John Noseda, è stata confermata dal giudice per i provvedimenti coercitivi.
joe | 5 giu 2012 10:16

Articoli suggeriti
I tre aggressori sono tutt'ora a piede libero, in manette è finito invece il fratello della persona aggredita.Sequestrata una pistola
Settimana scorsa era finito in manette il gerente del locale a luci rosse. Intanto ci sono altre chiusure "spontanee"
L'Oceano: "Intervenire immediatamente su questo malandazzo". Intanto la polizia chiude il 14esimo locale: le Arcate a Losone
Chiudono i battenti anche La Rosa Nera e il Bosco. Intanto sarebbe finita in manette la vittima dell'accoltellamento di Bissone