Accedi4/10°

Più soldi per chi vuole studiare

Il fondo borse di studio passa da 18 a 20 milioni. L'assegno aumenterà da 13mila a 16mila franchi annui come massimo

In arrivo novità importanti per le borse di studio. Due i punti cruciali illustrati oggi dal direttore del DECS Manuele Bertoli e dai suoi collaboratori. Per l’anno scolastico 2012-2013 sarà previsto l’aumento dell’importo massimo e l’adozione di un nuovo sistema di calcolo.

Ma andiamo per ordine. Con l’adesione del nostro cantone all’armonizzazione intercantonale dei criteri per le borse di studio, approvato in Gran Consiglio lo scorso settembre, aumenterà il fondo borse di studio che da 18 milioni passerà a 20. Questo garantirà un importante aumento negli assegni massimi, bloccati da 15 anni.

Facciamo un esempio. Con le precedenti disposizioni uno studente avente diritto alla borsa di studio che viveva al di fuori del proprio domicilio per formazione universitaria percepiva un massimo di 13'000 franchi, da oggi potrà percepire fino a 16'000 franchi.

Un’altra importante novità riguarda il sistema di calcolo per stabilire chi ha diritto e quanto ha diritto, dal precedente reddito imponibile si passerà al reddito disponibile semplificato. Ovvero dal calcolo del reddito lordo verrà sottratto un importo forfettario per i fabbisogni famigliari. Dal risultato sarà possibile stimare se il richiedente e la sua famiglia sono in grado di partecipare alle spese scolastiche nell’ordine del 30%. Se dopo questo calcolo il saldo rimane ancora scoperto entra in gioco la borsa di studio.

“È un passo importante” sottolinea Manuele Bertoli, “si potrà garantire ancora di più il diritto di studio, soprattutto per chi non ha l’opportunità finanziaria”.

Ricordiamo che le richieste per le borse di studio per l’anno 2012-2013, devono pervenire all’ufficio borse di studio di Bellinzona entro il mese di inizio della formazione. È importante allegare l’ultima tassazione fiscale del richiedente e dei genitori.

Christian Fini
christian.fini | 4 giu 2012 16:36