Accedi13/24°

IndustriALL: Ambrosetti vicepresidente

Costituita a Bruxelles la più grande federazione sindacale europea. Il ticinese Renzo Ambrosetti diventa vicepresidente

È stata costituita oggi a Bruxelles la più grande federazione sindacale europea, IndustriALL, forte di oltre sette milioni di membri. Il ticinese Renzo Ambrosetti, copresidente di Unia e finora presidente della Federazione europea dei metallurgici (FEM), ne diventa vicepresidente.

IndustriALL raggruppa i sindacati europei della metallurgia, delle miniere, della chimica e dei tessili. Ambrosetti, 59 anni il prossimo 30 agosto, è "uno degli architetti della fusione", scrive Unia in un comunicato. Il ticinese è dal giugno 2007 presidente della FEM, federazione istituita nel 1971 e scioltasi ieri, che raggruppava finora una settantina di sindacati di oltre 30 paesi, con in tutto 4,8 milioni di membri. Il congresso della federazione lo aveva eletto l'anno scorso per un secondo mandato.

La nuova organizzazione intende esigere dall'Unione europea una politica più sociale, come pure un patto di solidarietà per la crescita, si legge nella nota.

"Noi sindacalisti dobbiamo fare pressione in vista di un riorientamento della politica dell'UE per risolvere la crisi, affinché la crescita e l'impiego ridiventino finalmente prioritari", ha detto Ambrosetti nel suo discorso, citato nella nota di Unia.

Ambrosetti - prosegue il comunicato - ha rivendicato un patto di solidarietà europeo in favore della formazione, della ricerca e dello sviluppo, come pure infrastrutture e norme minime uniformi per tutta l'Europa, allo scopo di garantire impieghi sicuri, a condizioni decenti. Ha inoltre chiesto una fiscalità più equa in tutta Europa, in particolare per quanto riguarda i grandi patrimoni e le successioni. "Vogliamo un'Europa dei cittadini e non un'Europa delle banche e delle multinazionali", ha concluso il sindacalista.
joe | 16 mag 2012 18:04