Accedi1/2°

Fede: "Lugano? Meglio Montecarlo"

Il direttore del TG4 avrebbe tentato di depositare 2,5 milioni di euro in una banca luganese ma è stato rifiutato

Non ci sta Emilio Fede a passare per quello che “va in giro con una valigietta con 2,5 milioni di euro”. È ancora dalla pagine del Corriere della Sera che il direttore del TG4 sfoga la sua rabbia per quanto pubblicato ieri dal “Corrierone” stesso. Secondo il quotidiano italiano Emilio Fede si sarebbe presentato in una banca di Lugano con 2,5 milioni in contanti, ma sarebbe stato rifiutato in quanto ci sarebbero stati dubbi sulla provenienza dei soldi.

Fede ribadisce la sua estraneità ai fatti. Anzi, dice che sarebbe stato “stupido” a presentarsi in una banca di Lugano con tutti quei soldi dopo tutto quanto successo con il caso Lele Mora.

Lugano si, Lugano no. Il direttore del Tg4 afferma che piuttosto che andare a Lugano sarebbe andato a Montecarlo e formula tre ipotesi: la prima è che si tratti di un caso di omonimia, la seconda che ci sia qualcuno che gli somiglia e la terza che qualcuno si sia presentato allo sportello spacciandosi per lui. E secondo Fede questa sarebbe l’ipotesi più plausibile.

Insomma il direttore del Tg4 ritiene che a Lugano qualcuno possa spacciarsi per lui senza destare il minimo sospetto sulla reale identità. Già, lui è un volto sconosciuto alle nostre latitudini.

Comunque Fede ritiene che anche all’interno dei Mediaset lui possa dare fastidio e che il tutto è stato organizzato ad arte per danneggiarlo. Ma alla fine il futuro dell’ottantenne giornalista di lungo corso pare sia già segnato: Rete4 fino all’autunno e poi candidato alla Camera con il PdL di Berlusconi. E pare ci sia già l’accordo. Così almeno dice Emilio Fede.

MM
minols | 28 mar 2012 11:38

Articoli suggeriti
Si sarebbe presentato in banca con 2,5 milioni di euro in contanti, ma non sono stati accettati. Fede replica: "Notizia falsa"
La procura di Roma ha aperto un fascicolo per verificare la fondatezza della segnalazione su Emilio Fede
Dopo l'ennesimo scandalo cambio alla testa del TG4: la direzione va a Giovanni Toti di Studio Aperto
Il pubblico ministero di Milano ha inoltrato un invito a comparire per Emilio Fede nell'ambito dell'inchiesta su Lele Mora