Accedi14/25°

Confermato l’arresto del 69enne

Resta in carcere Flavio Bomio, presidente del Bellinzona nuoto, arrestato venerdì sera con l’accusa di abusi sessuali su minori

Il Giudice per i procedimenti coercitivi ha confermato quest’oggi l’arresto, deciso dal Procuratore Amos Pagnamenta, del 69enne fermato venerdì sera a Bellinzona con l’accusa di aver commesso reati sessuali nei riguardi di minori.

L’uomo, lo ricordiamo, è Flavio Bomio, presidente del Bellinzona nuoto, molto conosciuto in tutto il Ticino. Il suo arresto ha destato sgomento, soprattutto tra i dirigenti della Società di nuoto di Bellinzona, che nel tardo pomeriggio di ieri hanno rilasciato un comunicato stampa, distanziandosi da quanto accaduto: “Il Comitato ha preso atto con costernazione e sgomento delle accuse formulate nei confronti del presidente del club e assicura piena collaborazione all’autorità giudiziaria e di polizia affinché la fattispecie venga chiarita”.

Vista la delicatezza dell'inchiesta, la polizia ha dichiarato che non rilascerà per ora ulteriori informazioni.
joe | 19 dic 2011 17:10

Articoli suggeriti
È accusato di abusi su minori. I dirigenti della società: "Siamo costernati e sgomenti"
Toccata dal caso Bomio la mamma della campionessa ticinese Flavia Rigamonti. L'ex nazionale Voléry: "Adesso è tutto chiaro"
La polizia ha organizzato un incontro con i genitori delle potenziali vittime. Come fatto nel caso del pedofilo di Sant'Antonino
Da quando è stata resa pubblica la notizia negli scorsi giorni non cessano di giungere in polizia nuove segnalazioni di presunte vittime
Emergono segnalazioni di 40 anni fa avve­nuti al convitto della Magistrale. Intanto proposto lo scioglimento della Società nuoto
La SNB ha deciso di affidare al 41enne varesino la gestione della squadra. A primavera ci sarà un'assemblea straordinaria