Accedi0/8°
Sfoglia la gallery

Il ricordo di Peter Jaks

Moltissime le persone che hanno voluto ricordare Peter Jaks, da John Slettvoll a Tiziano Gagliardi

John Slettvoll, ex allenatore del Lugano e della nazionale svizzera

"Cinque minuti fa ho guardato e ho salvato un sms ricevuto da Peter tre anni fa. Me lo aveva inviato nel gennaio 2008 quando sono tornato a Lugano. È veramente tragico quanto successo. Peter era ancora giovane, aveva la famiglia e i bambini. È molto difficile trovarsi nella situazione di non più trovare e vedere una strada davanti a te.
Come persona l’ho apprezzato moltissimo. Ci vedevamo spesso quando ero in Ticino. Eravamo ospiti assieme in trasmissioni radio e TV. Era una persona aperta, onesta e genuina. Non ha mai recitato ed ha sempre detto quello che pensava.
Come giocatore era uno scorer incredibile. Non ho visto molti giocatori in possesso di un tiro come il suo. Ma era soprattutto un giocatore intelligente. Era in grado di leggere benissimo il gioco e si trovava sempre un passo davanti agli altri. Era una sorpresa per i difensori. Sapeva sempre anticipare i movimenti"

Fausto Senni, ex direttore sportivo dell'HC Lugano
"Trovare le parole in queste occasioni é difficile, specialmente per chi ha conosciuto bene il Peter. Io l'ho conosciuto abbastanza bene. Sono stato molto al suo fianco quando era venuto a giocare a Lugano (dal 1987 al 1989, ndr). Il ricordo che ho di Peter risale a tanti anni fa, al 1975. Sono tra i primi ad averlo notato. Mi trovavo a Torre Pellice per un torneo di hockey con i bambini, c'era anche mio figlio, e alla pista c'era un signore che giocava con un bambino he mi aveva impressionato perché aveva già un gran tiro. E dopo era arrivato a in Ticino e tutti conosciamo la sua carriera. Ho un ottimo ricordo di Peter, un'ottima persona. E quello che è successo mi fa piangere il cuore. È una sconfitta per tutti."
 
Sergio Gobbi, ex direttore sportivo HC Ambrì Piotta
"Sono momenti drammatici che non vorremmo mai commentare, ma é la realtà, dura, che bisogna accettare. Da giocatore era un professionista serio, molto serio ed esigente. Sempre stato leale e sincero."
 
Ivan Gazzaroli, ex compagno di squadra di Jaks nell'HC Ambrì Piotta
"Quando ho sentito cosa era successo sono stato avvolto da una tristezza grandissima. Parole non ne ho. Non riesco proprio a trovare le parole per questa tragedia che tutti noi avremmo voluto evitare."
 
Tiziano Gagliardi, ex presidente e commissario tecnico HC Ambrì Piotta
"Mi viene la pelle d'oca solo a pensare a quello che é successo. Sono quei momenti della vita che non si vorrebbe mai vivere. Peter era un giocatore eccezionale, che risolveva le situazioni difficili e le partite importanti. Mi ricordo un derby di tanti anni fa contro il Lugano. Stavamo perdendo 5-2, poi nel terzo tempo Peter giocò in linea con Kamensky e la partità finì 6-5 per noi. Eccezionale la sua determinazione ed era una persona di cuore, aperta ma sempre pronta a dire quello che aveva da dire, senza nascondersi. È una tragedia e mi rammarico di nessuno sia riuscito a capire che aveva bisogno di aiuto. È una ferita che non si rimarginerà."
 
Sandro Bertaggia, ex capitano HC Lugano
"Non so proprio cosa dire. Sono senza parole. È qualcosa di inaspettato."

Paolo Imperatori, ex giocatore HC Ambrì Piotta
"Purtroppo è successo il peggio. È un giorno molto difficile. Peter era una persona cara che è venuta a mancare in modo triste. Amava la solitudine ma era estremamente intelligente. Mai e poi mai mi sarei immaginato questo epilogo. Lui era abituato a risolvere i problemi da solo, questa volta li avrà valutati insormontabili. Mi stringo alla famiglia e porgo le mie più sentite condoglianze."

Marco Fertile, tifoso HCAP e amico di Peter Jaks

"Spero che finalmente possa trovare pace e serenità. Dove si trova ora, finalmente nessuno lo giudicherà più."

minols | 7 ott 2011 17:29