Accedi
Sfoglia la galleryCommenti

Valentina Nessi: "Ecco come ho fatto"

Su TalenTI la fashion blogger ticinese racconta la sua esperienza a cinque anni dall’apertura di “V Fashion World “

Valentina Nessi, di Lugano, è giovane, curiosa, bella e intraprendente. Un’instancabile viaggiatrice appassionata di moda che, nel 2011, ha deciso di dare il via al suo blog “V Fashion World” per condividere con più persone possibili le sue esperienze attraverso foto, video, reportage, opinioni e consigli. L’obiettivo di Valentina è quello di “ispirare le persone a credere in sé stesse, a fare del bene e ad aiutare gli altri”, un obiettivo che lei per prima è riuscita a raggiungere fondando l’organizzazione no-profit VITA Association, per raccogliere fondi destinati a progetti umanitari.

Una vita decisamente piena la sua, dietro alla quale vi sono però non solo tanto entusiasmo, ma anche moltissimi sacrifici, coraggio e forza di volontà. Successi internazionali e continue soddisfazioni, che Valentina Nessi ha deciso di raccontare, percorrendo le tappe più significative di questi suoi cinque anni di attività, in un libro autobiografico che uscirà il prossimo autunno.

Complimenti alla nostra blogger ticinese!!!

Sebbene il nome del tuo blog potrebbe trarre in inganno, sul tuo sito non affronti unicamente temi di moda, ma ti espandi anche all’arte, alla bellezza, ai viaggi e al lifestyle. Parlaci di te e del motivo che ti ha spinta ad aprire un blog tutto tuo.

Esatto, nel mio blog non parlo solo di moda ma anche di altri argomenti. Sono una persona molto curiosa che ha diverse passioni, tra cui quella dell’arte, dei viaggi e del lifestyle in generale, dunque nel mio blog parlo anche di ristoranti, bar, hotels, prodotti cosmetici, e do consigli su destinazioni di viaggio. Il sottotitolo del mio blog, infatti, è “l’art de vivre la difference” che significa appunto l’arte di vivere la differenza. L’argomento principale rimane comunque la moda, poiché lavoro nel settore moda e lusso che comprende anche la gioelleria e l’orologeria. Sono tornata qualche giorno fa dalla fiera internazionale dell’orologeria e della gioielleria di Basilea, dove mi sono occupata di fare reportage e photo-shooting per alcuni brands. Il mio lavoro mi piace talmente tanto che sento raramente la stanchezza; lavoro molte ore al giorno e ne dormo poche la notte, poiché durante il giorno devo andare in giro agli appuntamenti, fare reportage fotografici e poi la sera mi occupo di tutta la post-produzione del materiale fotografico e scrivo i testi per gli articoli.

Ho creato il mio blog all’incirca 5 anni fa con l’intenzione di voler condividere le mie passioni, la mia gioia di vivere, ma soprattutto le mie esperienze, in modo da poter ispirare coloro che mi leggono ad essere intraprendenti, motivati e soprattutto ottimisti. Vedo purtroppo tanti giovani senza iniziative, né gioia di vivere, che stanno seduti sul divano aspettando che un lavoro o delle opportunità cadano dal cielo. Ma è sbagliato, non bisogna sedersi ad aspettare, bisogna uscire, andare alla ricerca delle opportunità e lanciarsi in un nuovo business o progetto con coraggio e senza paure.

La scelta di aprire un blog può sembrare facile, ma in verità non lo è per niente, bisogna essere consapevoli che se si vuole avere successo bisogna lavorare sodo ed essere consapevole delle conseguenze. Ciò che mi ha spinto ad aprirlo è stata la mia necessità di comunicare e adesso, dopo quasi cinque anni di esperienze, si sta trasformando in una vera e propria agenzia di comunicazione nella quale io mi occupo di fare consulenza e strategie di marketing e comunicazione per le aziende che vogliono espandersi a livello internazionale. Posso permettermi di lavorare a livello mondiale poiché ho contatti in quasi tutte le parti del mondo: non solo a Milano, Londra e Parigi, ma anche a New York, Los Angeles, Dubai, Shanghai e Hong Kong; mi mancano ancora il Sud America e l’Australia, che spero di visitare e conoscere meglio presto per analizzare le varie opportunità di mercato.

Quanto e in che modo è cambiata la tua vita da quando hai aperto V Fashion World? E, guardandoti dall’esterno, noti anche alcun cambiamento nel tuo carattere e nella tua personalità parallelamente all’aumentare della tua notorietà?

La mia vita è cambiata parecchio. Prima di aprire il blog ero una ragazzina spensierata, mi piaceva festeggiare ad ogni occasione, dopo che ho aperto il blog, sono subentrate le responsabilità e gradualmente la mia vita è cambiata. Sono cresciuta e maturata in questi ultimi anni; sono diventata ciò che ho sempre desiderato essere: una business woman internazionale, sensibile alle cause umanitarie. Proprio per questo motivo ho aperto un’associazione di beneficenza e sono molto attiva in progetti umanitari.

Il mio carattere in questi ultimi anni è cambiato, mi sento più “saggia” se così si può dire, ho fatto delle mie esperienze, sia di quelle positive che di negative, un insegnamento per poter migliorare ogni giorno ed ogni anno sempre di più.

Spesso la gente, quando ha successo e notorietà, si monta la testa, diventa arrogante o a volte, peggio ancora, incomincia a bere o a drogarsi. Il mio caso è invece totalmente l’opposto, con la notorietà sono diventata più responsabile e matura: esco alle feste molto più raramente e se ci vado è per questioni di lavoro e non per divertimento. Quando mi offrono da bere, accetto per educazione ma poi faccio finta di bere; sono diventata una fan della “healthy life” ovvero della vita sana, adoro bere i centrifugati di frutta e verdura e utilizzo moltissimo zenzero, che fa benissimo alla salute. Ho anche cominciato a fare più sport e passeggiate in montagna, questo perché stare in armonia con la natura, mi fa stare meglio e mi ricarico le energie.

La mia personalità credo che sia migliorata grazie alla mia notorietà, fin dal principio, quando ancora non ero conosciuta e mi dicevo: “Il giorno in cuoi avrò raggiunto una discreta notorietà voglio dare il buon esempio agli altri. Ispirare le persone a credere in se stesse, ad avere coraggio, a fare del bene e ad aiutare gli altri”.

È per questo motivo che, come ho detto prima, qualche hanno fa ho creato VITA Association, tramite la quale promuovo progetti umanitari per aiutare le persone bisognose ad avere un futuro migliore.

Il tuo blog è nato nel maggio del 2011 e in pochissimo tempo ha raggiunto numerose visualizzazioni, oltre ad aprirti porte che ti hanno permesso di farti conoscere a livello internazionale. Ma come hai fatto? E quanto ritieni sia stata importante la tua laurea in Fashion Business & Management?

Come ho fatto è un segreto, no scherzo! Non ci sono segreti, ma tanta volontà, passione e ottimismo. Proprio a questo proposito sto scrivendo un libro sulla mia vita che racconta i miei primi 5 anni di blog, step by step, su come ho fatto a crearlo, quali sono state le difficoltà e i sacrifici che ho dovuto affrontare per arrivare a dove sono arrivata. Parlo la mia esperienza di studi tra Milano, Parigi e Londra e quanto questi studi sono serviti o meno a realizzare la mia carriera lavorativa. Racconto anche tutti gli incontri con i personaggi celebri che ho incontrato e gli eventi significativi che hanno segnato la mia vita.

Sono in fase di stesura del libro, e penso sarà finito entro autunno di quest’anno.

In che modo riesci a tenerti aggiornata su ciò che succede nel campo della moda?

Mi tengo aggiornata tramite Instagram, il mio social network preferito. Seguo le testate di importanti magazine come @vogue, @wmagazine, @lofficiel e tanti altri. Seguo anche molti altri blogger, giornalisti e fotografi di moda internazionali. In questo modo sono sempre connessa con tutto ciò che succede nel mondo della moda.

Sono diventata talmente fan di Instagram che di recente, oltre al mio profilo personale @valentinanessi, ho creato anche @vfashionworld, @vfwstye e @vfwtravel che gestisco insieme al mio team.

So che hai lavorato con diversi marchi di moda come Dior, Chanel, Burberry, Vivienne Westwood e Philipp Plein. Parlaci della tua esperienza dietro le quinte di alcuni dei più importanti brand al mondo.

Lavorare con brand prestigiosi è stato per me un onore ed un privilegio. L’esperienza più bella che ho avuto è stata l’anno scorso quando ho lavorato con il mio marchio preferito di gioielli, de Grisogono, con il quale sto ancora collaborando su nuovi progetti creativi.

Per quanto riguarda tutte le altre esperienze del passato con gli altri brands, troverete tutto nel mio libro. Quindi, per il momento, preferisco non anticiparvi nulla…

Che cosa significa per te essere alla moda ma, soprattutto, essere una donna di tendenza?

Per me non è importante essere alla moda, ma avere stile. Ovvero, non seguo per forza tutte le tendenze delle fashion week, ma creo una mia tendenza ed indosso ciò che mi piace.

Mi piace cambiare stile, trovo sia più divertente.

Ho letto che hai “ereditato” da tua madre la passione per i viaggi… e la tua lunga lista di mete toccate ed esplorate ne è la chiara conferma. Raccontaci qualcosa sul tuo ultimo viaggio nell’Asia orientale. Perché hai scelto proprio la Cina?

È vero, viaggiare è una mia grandissima passione, mi permette aprire gli orizzonti, conoscere nuove persone, culture e stili di vita.

Mi piace talmente tanto che ho aperto qualche mese fa una pagina Instagram travel blog, @vfwtravel, che gestisco insieme a mia mamma e a mia sorella.

In Cina sono stata tre anni fa per fare ricerche di mercato. Ho passato un mese a visitare i quartieri commerciali, ciò che in inglese vengono chiamati “industrial distric”; è stato molto interessante, ma anche un po’ difficile, le città industriali sono infatti parecchio sporche e nelle strade c’è tantissimo inquinamento e sporcizia. Poi, siccome ero già in Cina, ho colto l’occasione per fare tre giorni di vacanza turistica a Pechino, per visitare la Grande Muraglia Cinese, la città Proibita e il Tempio del Cielo. Un mini tour de force turistico! È stato un viaggio intenso e meraviglioso. La Cina è un mondo tutto da scoprire e mi piacerebbe tornarci presto.

In che modo racconti ai tuoi followers le esperienze dei tuoi viaggi per il mondo? Noti maggior riscontro quando parli di moda o di viaggi e culture di paesi lontani?

Solitamente racconto le mie esperiente di viaggio tramite fotografie che descrivono il luogo che sto visitando, dando una breve connotazione storica o culturale, quando si tratta di tempi, musei o edifici particolari. Mi piace anche molto postare fotografie di paesaggi naturali come mare, laghi, montagne, le mie preferite sono quelle con le cascate, non so per quale motivo ma sono una fan di cascate, mi piacciono da impazzire! Le cascate più belle che ho visto sono state le Victoria Falls nello Zimbabwe, che ho vistato da due vedute differenti, sia via terra tramite un sentiero, sia via aereo con un tour in elicottero.

Cfr photos: http://www.vfashionworld.com/it/2015/01/victoria-falls-elicottero.html

Ho notato che quando posto una fotografia di un viaggio, riscontro molto più interesse da parte dei miei followers, questo perché i viaggi e i bei paesaggi piacciono a tutti, mentre la moda è un argomento più di nicchia che non a tutti piace o interessa.

Trovo anche che postare tutti i giorni foto di scarpe, borse e vestiti, come fanno la maggior parte delle fashion blogger, sia molto limitato ”mentalmente”, mentre postare le foto di un viaggio, di un tempio storico o di una mostra d’arte all’interno di un museo sia più interessante a livello culturale.

Ho sempre cercato di tenere molto alto il livello dei miei contenuti, sia nel blog, sia sui social media in modo da poter avere un più ampio ventaglio di lettori, anche di gente più matura sui 40 o 50 anni, e non solo teenager tra 15 e i 25. Aggiungendo argomenti che vanno oltre alla moda e che trattano il lifestyle e i viaggi ho riscontrato maggior interesse da parte del pubblico.

Come ho detto prima, ho infatti aperto qualche mese fa una pagina Instagram @vfwtravel dedicata solo ed esclusivamente ai viaggi che, in pochi mesi, ha già riscontrato molto interesse.

Sei una persona poliedrica dalle molteplici capacità, riesci a passare dal lavorare come reporter alla Fashion Week di New York al presentare a Milano la tua organizzazione no-profit VITA. Come fai a stare dietro a tutto? Lavori in team?

L’unico modo per riuscire a stare dietro a tutto è avere tanta volontà ed energia e amare ciò che fai, poiché quando fai ciò che ti piace lo fai con passione e la stanchezza e la fatica si sentono meno.

Ad esempio, dopo due settimane in Nepal, il giorno seguente al mio arrivo a Lugano sono partita immediatamente per Basilea, ho lavorato lì per 4 giorni e poi sono andata a Ginevra per altri appuntamenti, e adesso che sto tornado a Lugano in treno, trovo il tempo di rispondere alle domande di questa intervista. Cerco di riempire le mie giornate il più possibile, sono molto dinamica e so che potrei fare molto di più di ciò che sto già facendo. Spesso mi autocritico, e penso che se riuscissi ad organizzare il mio tempo ancora meglio potrei fare moto di più.

Quando, come e perché è nata l’Associazione VITA, della quale sei presidente?

L’Associazione Vita è nata dal desiderio di volere aiutare gli altri ad avere una Vita Migliore.

Aiutare il prossimo è un insegnamento che ho sempre ricevuto da parte dei miei genitori. Mi hanno sempre sostenuta e aiutata in ogni circostanza, dandomi la possibilità di studiare, viaggiare e conoscere persone, culture e realtà differenti dalla mia. Mi ritengo, per questi motivi, una persona molto fortunata e privilegiata.

Vedere e sapere che ci sono persone, e purtroppo tra di loro molti bambini, che non hanno la fortuna di avere una famiglia, un tetto sotto al quale dormire, cure mediche e a volte nemmeno cibo a sufficienza per nutrirsi, mi rattrista molto.

Sono tornata una settimana fa dal mio viaggio di beneficenza in Nepal. Tramite la mia Associazione VITA ho infatti raccolto fondi da portare nel Paese. Non conoscendo il territorio mi sono aggregata all’associazione svizzera Mani per il Nepal, che conosce molto bene il territorio. Abbiamo così scelto di unire le forze e lavorare assieme sugli stessi progetti, quali la ricostruzione di una scuola nella Valle del Sindhupalchok, la valle più distrutta dal terremoto, e la distribuzione di stufe nei villaggi di montagna per permettere loro di cucinare e di riscaldarsi durante la stagione invernale.

Insieme abbiamo realizzato due mini video reportage di 3 minuti circa che spiegano i nostri progetti. Ho caricato i video sul mio canale youtube:

https://www.youtube.com/user/ValentinaVFW

Il motto di Valentina Nessi?

Mi piace vivere la mia vita come un’opera d’arte, l’arte di vivere la differenza.

Non ti fermi mai, non posso dunque non chiederti con una certa curiosità a quale progetto tu stia attualmente lavorando…

Sto lavorando contemporaneamente a più progetti: lo sviluppo continuo di nuovi articoli e contenuti per il blog, la concretizzazione e creazione della mia agenzia di comunicazione, l’apertura di uno showroom a Parigi, lo sviluppo e la produzione di una mia collezione di vestiti e accessori, la realizzazione e produzione di diversi cortometraggi e documentari, l’organizzazione di altri charity event per raccogliere fondi per i progetti benefici in Nepal ed in India, e molto altro ancora. Il più importante e significativo di quest’anno sarà la pubblicazione del mio libro autobiografico che racconta i miei primi cinque anni nell’Industria della moda e del blog, raccontando step-by step come, quando e perché ho realizzato il mio blog e tutte le mie esperienze ed incontri più significativi negli ultimi cinque anni.

Il libro è in fase di stesura e penso sarà pubblicato entro l’autunno di quest’anno. Non vedo l’ora!

http://www.vfashionworld.com/

http://www.vitaassociation.org/

Instagram: @valentinanessi

@vfashionworld

@vfwstyle

@vfwtravel

Contatto TalenTI: [email protected]

Facebook: TalenTI / TicinoNews

Sharon Boffa | 4 apr 2016 08:00

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'