Accedi

ZH: detenzione a vita per albanese che assassinò connazionale

Detenzione a vita per un albanese di 42 anni che all'inizio del 2009 uccise con un colpo di pistola alla tempia un connazionale a Bonstetten (ZH).

Il Tribunale cantonale di Zurigo ha confermato la condanna per assassinio, ma ha abbandonato la richiesta di internamento.

Secondo l'accusa, il movente del delitto erano 30'000 euro di debiti. L'8 gennaio di nove anni fa l'albanese uccise il connazionale con un colpo sparato alla tempia all'interno della sua auto. Per non lasciare tracce, aveva abbassato il finestrino a lato della vittima e dopo il delitto si liberò del corpo gettandolo in un canalone. Un'escursionista trovò il cadavere a distanza di qualche giorno.

Il condannato ha sempre negato ogni addebito, ma in entrambi i gradi di giudizio i giudici si sono avvalsi della deposizione fatta dall'ex fidanzata del 42enne, che era seduta sul sedile posteriore della vettura al momento del delitto.
ATS | 16 mag 2018 18:24