Accedi
Commenti 191

La SSR sopravviverà a No Billag?

Secondo i favorevoli potrebbe finanziarsi sul mercato. Ma per i contrari il servizio pubblico sarebbe compromesso

Cosa ne sarà della Ssr se passasse l'iniziativa No Billag? La Regione ha ipotizzato i vari scenari, basandosi sulle affermazioni dei gruppi e comitati che stanno facendo le loro rispettive campagne. Secondo i favorevoli, la Ssr non solo sopravviverà, ma il "No Billag" sarebbe un'opportunità di rinnovamento e indipendenza, con la possibilità di trasmettere più pubblicità e vendere abbonamenti tematici. Il problema sarebbero le trasmissioni per le minoranze linguistiche, che avrebbero comunque bisogno di  un sostegno finanziario statale. Il servizio pubblico non sarebbe tuttavia in discussione.

Diametralmente opposta la posizione dei contrari all'abolizione del canone, secondo i quali si porrebbe un problema di coesione nazionale, con un servizio pubblico che sarebbe irrimediabilmente compromesso, con migliaia di posti di lavoro a rischio e l'inesorabile fine per molte trasmissioni, soprattutto quelle dedicate a persone con handicap sensoriali o gli eventi sportivi di discipline meno conosciute.

 

Redazione | 10 gen 2018 09:28

Articoli suggeriti
Questa sera a "I conti in tasca" su TeleTicino, Bühler e Quadri a viso aperto contro Canetta e Lombardi
Per l'associazione l'iniziativa No Billag è "troppo radicale", ma ritiene che il servizio pubblico vada ripensato
160 parlamentari, tra cui Filippo Lombardi, raccomandano di respingere il testo in votazione il prossimo 4 marzo
Lorenzo Quadri replica agli ecologisti sull'invito al confronto sulla No Billag: "C'è chi ha altro da fare..."
Secondo La Liberté questo scenario è "vicino alla realtà". La pubblicità potrebbe spostarsi sui network stranieri
I Verdi evidenziano come nessun favorevole, in particolare Quadri o Bühler, si sia reso disponibile per un confronto
Creatori di cultura di tutti i generi artistici si dichiarano a favore della molteplicità culturale e contro No Billag
Il comitato contrario all'iniziativa ha sottolineato l'importanza della SSR per la coesione nazionale
Per l'Unione Svizzera arti e mestieri un 'Sì' sarebbe un'opportunità per migliorare il servizio pubblico
Non cala il sostegno all'iniziativa contro il canone radiotelevisivo. Tra i partecipanti al sondaggio mancano però i ticinesi
Ieri sera a Tenero il Comitato cantonale ha deciso di non associarsi al parere di Marchesi e Chiesa
Striscioni e vestiti appesi per manifestare contro l’iniziativa: “1'500 disoccupati e 200 milioni persi”. FOTO
Per il Consiglio federale un sì all'iniziativa nuocerebbe alle minoranze e al processo di formazione delle opinioni
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'