Accedi
Commenti 2

"Non sono un pappone". Sicuro?

Heiko S. trasforma appartamenti presi in affitto in lupanari. Lui nega, un rapporto lo inchioda. "Gli devo il 50%"

Oltralpe aveva suscitato parecchio clamore la vicenda, portata alla luce dal Blick, di una 30enne zurighese che aveva subaffittato per 3 mesi il suo appartamento per poi scoprire che lo stesso era stato trasformato in un lupanare da un cittadino tedesco noto come Heiko S. (vedi articolo suggerito).

Stando a quanto scoperto dal quotidiano zurighese non sarebbe l’unico caso riconducibile al 46enne ingegnere, che ha attuato lo stesso ‘trucchetto’ altre 19 volte, 17 delle quali nella sola città di Kloten. L’uomo è stato denunciato a più riprese ma ha sempre ripreso la sua attività in altre abitazioni e si è sempre difeso sostenendo di non essere un ‘pappone’. Contattato dal Blick, aveva sostenuto di essere responsabile solo della pubblicità delle ragazze a cui aveva trovato un alloggio, che sarebbero delle "escort non autorizzate a ricevere presso il loro domicilio".

Nella sua edizione odierna il Blick avrebbe smontato la tesi del 46enne: stando a un rapporto di Polizia dello scorso novembre, infatti, parrebbe che l’uomo abbia più volte fatto arrivare in Svizzera delle prostitute, da cui avrebbe incassato una provvigione.

Il 26 ottobre 2017 un agente sotto copertura avrebbe preso contatto con una delle ragazze, che gli avrebbe offerto prestazioni sessuali da consumare nell’appartamento subaffittato dallo stesso Heiko S.

Una delle ragazze, interpellata dal Blick, ha ammesso di essere stata contattata dal 46enne, che le avrebbe rimediato una sistemazione in cambio del 50% dei suoi guadagni. La donna, pure cittadina tedesca, ha ammesso di essere disoccupata.

Redazione | 3 gen 2018 15:48

Articoli suggeriti
Una 30enne zurighese ha lasciato casa sua a un tedesco, che l'ha trasformata in un lupanare. E non è la prima volta
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'