Accedi
Commenti 14

Dall'UE "nessuna discriminazione"

La Commissione spiega la decisione di limitare l'equivalenza della borsa. "Vogliamo una relazione stabile con la Svizzera"

L'Ue è "molto interessata ad avere una relazione buona e stabile" con la Svizzera, ed è in questo senso che va letta la decisione del 21 dicembre di rinnovare l'accesso alla Borsa svizzera per le banche europee e gli investitori, che sta quindi procedendo "senza interruzioni". Il fatto che questo sia stato garantito solo per un ulteriore anno dipende dalla scelta fatta dagli Stati membri nel 2014, quando chiesero di legarlo alla conclusione di un accordo quadro istituzionale.

E' la spiegazione fornita dalla Commissione Ue dopo le tensioni con Berna. I negoziati sono al momento in salita. "Si tratta di un quadro istituzionale molto specifico" per i rapporti Ue-Svizzera, e la decisione di "non garantire un ulteriore accesso al mercato finanziario sino a che l'accordo istituzionale sia in piedi" è una "posizione decisa nel 2014" dal Consiglio degli affari generali, ha spiegato una portavoce Ue.

In ogni caso, in base alle regole attuali, la valutazione sull'equivalenza per l'accesso alle borse di Paesi terzi viene condotta dalla Commissione "Paese per Paese in base ai suoi meriti". E, quindi, secondo Bruxelles non c'è discriminazione nei confronti di Berna.

Il Consiglio federale è di tutt'altra opinione. La Svizzera adempie le condizioni per il riconoscimento dell'equivalenza delle borse, esattamente come gli altri Paesi terzi che hanno ricevuto un riconoscimento senza limiti temporali, ha detto la presidente della Confederazione uscente Doris Leuthard, il 21 dicembre in una conferenza stampa al termine di una seduta straordinaria dell'esecutivo. Le borse di Stati Uniti, Hong Kong e Australia hanno ottenuto l'equivalenza, "pertanto riteniamo che il riconoscimento limitato nel tempo costituisca una chiara discriminazione della Svizzera".

"Anche il fatto di vincolare questo dossier tecnico alle questioni istituzionali risulta inopportuno e inaccettabile", ha aggiunto Leuthard. Il Consiglio federale si riserva quindi il diritto di rivalutare la seconda tranche del contributo all'allargamento a beneficio dei Paesi dell'Europa dell'Est. Ha inoltre incaricato il Dipartimento delle finanze di presentare in tempi brevissimi - entro la fine di gennaio - delle proposte per rafforzare la piazza finanziaria e borsistica, valutando in particolare l'abolizione della tassa di bollo.

 

ATS/Red. | 3 gen 2018 15:00

Articoli suggeriti
Secondo un professore di Cambridge la decisione di Bruxelles va contro le regole dellOMC: "Discrimina la Svizzera"
Il Partito popolare democratico ritiene che la discriminazione della Borsa elvetica mette in pericolo i rapporti bilaterali
Il Consiglio federale ha spiegato che questa misura potrebbe essere positiva per le casse federali
Anche il PLR nazionale reagisce al 'ricatto UE': "Il mercato finanziario svizzero è fondamentale"
Il Partito socialista invita il Consigliere federale ticinese a prendere in mano il dossier europeo
Secondo l'UDC bisogna adottare delle contromisure. "Leuthard ha valutato male..."
Il Consiglio federale ritiene discriminatoria e di dubbia legalità la decisione dell'UE. Il miliardo di coesione potrebbe essere rivisto
Bruxelles ha ufficialmente approvato la decisione di riconoscere l'equivalenza della borsa svizzera a un solo anno
La Lega dei Ticinesi sull'equivalenza: "Atto di arroganza, il Consiglio federale ritiri subito il regalo da 1,3 miliardi"
L'UE conferma: l'equivalenza della borsa svizzera limitata a un anno è legata all'accordo quadro istituzionale. E ora?
Molti deputati a Berna sono perplessi sull'opportunità di versare il miliardo di coesione
Ignazio Cassis contrario alla limitazione dell'equivalenza finanziaria. "Potremmo ridiscutere il miliardo di coesione"
Il Consiglio federale contava di regolare il dossier delle borse grazie anche al miliardo di coesione, ma...
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'