Accedi
Commenti

Il 'ricatto UE' è realtà

Bruxelles ha ufficialmente approvato la decisione di riconoscere l'equivalenza della borsa svizzera a un solo anno

È ufficiale: Bruxelles ha ufficialmente approvato la decisione di riconoscere l’equivalenza delle norme svizzere sulla tutela degli investitori con quelle europee per un solo anno.

Questa equivalenza – che sarà estesa solo se verranno fatti progressi sufficienti verso un accordo quadro istituzionale - è fondamentale affinché le banche europee e gli investitori possano conservare l'accesso alla Borsa svizzera, continuando ad acquistare e vendere titoli, elvetici ed esteri, quotati a Zurigo.

La Commissione UE ha preso posizione questa mattina, mentre i 28 Stati membri avevano tempo fino a ieri alle 17.00 per contestare la proposta di Bruxelles. Tutti l'hanno approvata a parte uno Stato che si è astenuto. Secondo alcune voci raccolte nella capitale del Belgio, si tratterebbe della Gran Bretagna.

Redazione | 21 dic 2017 13:00

Articoli suggeriti
Il Consiglio federale ritiene discriminatoria e di dubbia legalità la decisione dell'UE. Il miliardo di coesione potrebbe essere rivisto
La Lega dei Ticinesi sull'equivalenza: "Atto di arroganza, il Consiglio federale ritiri subito il regalo da 1,3 miliardi"
Equivalenza della borsa svizzera: il consigliere nazionale PD Fabio Regazzi irritato dai "mezzucci" di Bruxelles
L'UE conferma: l'equivalenza della borsa svizzera limitata a un anno è legata all'accordo quadro istituzionale. E ora?
Molti deputati a Berna sono perplessi sull'opportunità di versare il miliardo di coesione
Ignazio Cassis contrario alla limitazione dell'equivalenza finanziaria. "Potremmo ridiscutere il miliardo di coesione"
Il Consiglio federale contava di regolare il dossier delle borse grazie anche al miliardo di coesione, ma...
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'