Accedi
Commenti 53

Ricatto UE: "Inaccettabile per la Svizzera"

Il Consiglio federale ritiene discriminatoria e di dubbia legalità la decisione dell'UE. Il miliardo di coesione potrebbe essere rivisto

Il Consiglio federale ha tenuto oggi alle 13.00 una conferenza stampa straordinaria per fare il punto della situazione sul riconscimento dell'equivalenza della borsa svizzera, che l'UE vuole limitare fino alla fine del 2018. La durata limitata è dovuta al fatto che Bruxelles lega l'equivalenza della Borsa svizzera a un accordo quadro istituzionale con Berna. La limitazione è dovuta a "progressi non sufficientemente sostanziali" in questo dossier, ha spiegato ieri il vicepresidente della Commissione UE Valdis Dombrovskis.

Il Consiglio federale, in una seduta straordinaria tenutasi questa mattina, ha ritenuto la mossa, formalizzata questa mattina da Bruxelles, "inaccettabile" per la Svizzera, esprimendo pure dei sospetti sul fatto che l'UE voglia indebolire la piazza finanziaria elvetica. Il Consiglio federale valuterà quindi la revoca dell'imposta di bollo per rafforzare la piazza finanziaria e borsistica elvetica. Anche il promesso miliardo di coesione potrebbe essere rivisto.

Ecco quanto dichiarato di fronte ai media dalla presidente della Confederazione Doris Leuthard

"Il Consiglio federale si è occupato a più riprese della questione dell’equivalenza delle borse. Negli ultimi giorni e settimane la Svizzera è intervenuta a più livelli, ribadendo la propria posizione in particolare nei confronti degli Stati membri, della Commissione e del presidente della Commissione. E la sua posizione è chiara: la Svizzera adempie le condizioni per il riconoscimento dell’equivalenza delle borse, esattamente come gli altri Paesi terzi che hanno ricevuto un riconoscimento senza limiti temporali. Pertanto riteniamo che il riconoscimento limitato nel tempo costituisca una chiara discriminazione della Svizzera. Anche il fatto di vincolare questo dossier tecnico alle questioni istituzionali risulta inopportuno e inaccettabile".

"In occasione dell’odierna seduta straordinaria, il Consiglio federale ha definito la sua posizione in merito all’imminente decisione formale dell’Unione europea. Esso ritiene che la legalità di tale decisione sia dubbia e ha pure l’impressione che essa abbia lo scopo di indebolire la piazza finanziaria della Svizzera. Esso intende opporsi alle decisioni discriminatorie relative ai provvedimenti UE, che pregiudicano la competitività della Svizzera. Ha pertanto deciso oggi di rafforzare la piazza finanziaria e borsistica svizzera avviando immediatamente i lavori in tal senso. Il Dipartimento federale delle finanze (DFF) è stato incaricato di sottoporre proposte al Consiglio federale entro la fine di gennaio. In questo contesto sarà prioritaria l’abolizione della tassa di bollo".

"La decisione odierna dell’Unione europea peggiora inoltre le relazioni bilaterali in dossier importanti" ha proseguito Leuthard. "La seconda tranche di un contributo all’allargamento a beneficio dei Paesi dell’Europa dell’Est è stata menzionata da più parti. Alla luce di questi sviluppi il Consiglio federale si riserva il diritto di una nuova rivalutazione dei lavori relativi al progetto in merito che sarà sottoposto a consultazione. Il Governo si è sempre fatto garante dello sviluppo delle relazioni bilaterali e si è posto come obiettivo di proseguire nel 2018 i negoziati per un accordo istituzionale. Constata però anche le profonde divergenze che continuano a permanere e per superare le quali occorre la disponibilità reciproca a condurre una discussione oggettiva in un clima di completa fiducia".

 

Redazione | 21 dic 2017 13:04

Articoli suggeriti
Il Consiglio federale ha spiegato che questa misura potrebbe essere positiva per le casse federali
Il Partito popolare democratico ritiene che la discriminazione della Borsa elvetica mette in pericolo i rapporti bilaterali
Anche il PLR nazionale reagisce al 'ricatto UE': "Il mercato finanziario svizzero è fondamentale"
Il Partito socialista invita il Consigliere federale ticinese a prendere in mano il dossier europeo
Ignazio Cassis contrario alla limitazione dell'equivalenza finanziaria. "Potremmo ridiscutere il miliardo di coesione"
Secondo l'UDC bisogna adottare delle contromisure. "Leuthard ha valutato male..."
Bruxelles ha ufficialmente approvato la decisione di riconoscere l'equivalenza della borsa svizzera a un solo anno
La Lega dei Ticinesi sull'equivalenza: "Atto di arroganza, il Consiglio federale ritiri subito il regalo da 1,3 miliardi"
Equivalenza della borsa svizzera: il consigliere nazionale PD Fabio Regazzi irritato dai "mezzucci" di Bruxelles
L'UE conferma: l'equivalenza della borsa svizzera limitata a un anno è legata all'accordo quadro istituzionale. E ora?
Molti deputati a Berna sono perplessi sull'opportunità di versare il miliardo di coesione
Il Consiglio federale contava di regolare il dossier delle borse grazie anche al miliardo di coesione, ma...
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'