Accedi
Commenti 10

Pignorato Nicolas Blancho

Ieri avrebbe dovuto presentarsi presso l'Ufficio esecuzione e fallimenti. Ora rischia di trovarsi la Polizia sotto casa

Nuovo capitolo dell’incredibile - e per certi aspetti grottesca - vicenda che vede coinvolto il presidente del Consiglio centrale islamico svizzero Nicolas Blancho.

Blancho, ricordiamo, oltre ad essere accusato dal Ministero pubblico della Confederazione (MPC) di propaganda estremista legata ad Al-Qaida, è anche in arretrato con i premi della cassa malati (ben 9'000 franchi) e le imposte. Inoltre, stando al Foglio ufficiale, risulta “di ignota dimora”.

Della sua sorte si sono interessati diversi quotidiani d’Oltralpe e lo stesso Blancho aveva replicato in diretta su Twitter, sostenendo di trovarsi presso la sede del CCIS a Berna ma senza fornire spiegazioni sulla sua situazione finanziaria (vedi articolo suggerito). Che pare proprio peggiorare di giorno in giorno.

Stando a quanto riferito dal Blick, infatti, Blancho avrebbe dovuto presentarsi ieri mattina alle 9.00 all’Ufficio esecuzione e fallimenti di Ostermundigen (BE) per la notifica di un pignoramento visti i premi di cassa malati non pagati. Inutile specificare che l’imam non si è presentato.

Non si sa se il diretto interessato abbia contattato l’Ufficio nelle ore seguenti. Quello che è certo è che se non dovesse saldare i suoi debiti con la cassa malati si ritroverebbe la Polizia davanti all’uscio di casa a notificargli il pignoramento.

A quale indirizzo non è dato a sapere... Stando a quanto dichiarato al quotidiano zurighese da Qaasim Illi, Blancho risiederebbe presso il CCIS “per motivi di sicurezza” ma si recherebbe spesso all’estero.

Redazione | 21 nov 2017 17:05

Articoli suggeriti
Stando al Foglio ufficiale risulta “di ignota dimora”. Inoltre deve 9'000 franchi alla cassa malati. "Sono ancora qui"
Le due figure di spicco del CCIS non pagano né le imposte né i premi della cassa malati. "Guadagniamo troppo poco"
Tre membri del Consiglio centrale islamico svizzero sono accusati di propaganda estremista legata ad Al-Qaida
Nicolas Blancho e Qaasim Illi replicano al Ministero pubblico: "Non ci faremo legare un sacco in testa"
Il procuratore generale vuole incriminare i vertici del Consiglio centrale islamico. "Propaganda in favore dell'ISIS"
Il Consiglio centrale islamico svizzero in profondo rosso. "I fedeli dovranno aiutarci"
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'