Accedi
Sfoglia la galleryCommenti

Presentato il padiglione svizzero per Expo Astana 2017

lo slogan scelto per il padiglione dedicato alle energie rinnovabili allestito dalla Svizzera è "Flower Power". FOTO

"Flower Power" è lo slogan scelto per il padiglione dedicato alle energie rinnovabili allestito dalla Svizzera per Expo Astana 2017. L'esposizione universale si tiene dal 10 giugno al 10 settembre nella capitale del Kazakistan ed è dedicata al tema "Energia futura".Quella di Astana è la prima esposizione universale organizzata in Asia centrale. La Svizzera presenta "una mostra sorprendente e interattiva sull'efficienza energetica, le energie rinnovabili e la gestione globale delle risorse idriche", scrive oggi in una nota Presenza Svizzera.

"Lo slogan 'Flower Power' intende simboleggiare la forza della natura e del suo potenziale sotto forma di energie rinnovabili. Per il mondo energetico di domani è fondamentale sfruttare fino in fondo questo potenziale", dichiara, citato nella nota, l'ambasciatore e capo di Presenza Svizzera Nicolas Bideau.

Presenza Svizzera ha coordinato i lavori per la realizzazione del padiglione, il cui preventivo ammonta a 4,2 milioni di franchi. Il relativo credito - per un totale di 4,7 milioni di franchi, di cui 1,55 provenienti da sponsor privati - era stato approvato nell'aprile di due anni fa dal Consiglio federale.

Sole, acqua, energia e innovazione

La mostra è suddivisa in quattro ambienti tematici che riproducono la capanna del Monte Rosa, una casa in cui vengono preparati piatti di rösti, una casa dedicata all'acqua e una in cui viene presentata l'innovazione svizzera.

Il modernissimo rifugio alpino, situato vicino al ghiacciaio del Görner, è quasi autosufficiente sotto il profilo energetico e serve a dimostrare "il grande potenziale del sole quale fornitore di energia". Nella "casa dei rösti" vengono illustrate le conseguenze del consumo di energia e si spiega "come rendere più efficienti e meno dispendiose, sotto il profilo energetico, le attività di ogni giorno".

La casa dedicata all'acqua, realizzata in collaborazione con la Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC), presenta un filmato che evidenzia "gli urgenti problemi legati alle risorse idriche e la necessità di una cooperazione internazionale nella gestione globale delle acque". Nella quarta casa viene infine presentato il velivolo a propulsione solare "SolarStratos", progettato da Raphäel Domjan, che "trasporterà i visitatori nella stratosfera, ai confini dello spazio e della tecnica".

I visitatori del padiglione avranno inoltre la possibilità di giocare a "Mission possible", un gioco sviluppato dal Politecnico federale di Losanna in cui è possibile "valutare e ottimizzare il proprio consumo energetico attraverso i personaggi di Heidi e di suo nonno Alpöhi".

Leuthard, Burkhalter, Maurer e Dell'Ambrogio

Gli organizzatori prevedono che nei tre mesi dell'esposizione, il Padiglione svizzero sarà visitato da circa 500'000 persone, ossia il 10% dei complessivi 5 milioni di visitatori attesi ad Astana.

Il prossimo 11 agosto, in occasione della giornata nazionale dedicata alla Svizzera, la presidente della Confederazione Doris Leuthard sarà ricevuta nel padiglione. Il consigliere federale Didier Burkhalter visiterà Expo Astana il 19 giugno, in occasione di un conferenza sulla gestione globale delle risorse idriche organizzata dalla DSC.

Nella capitale kazaka sono inoltre attesi il consigliere federale Ueli Maurer, che sarà ospite del padiglione in occasione del suo viaggio in Asia centrale, come pure Mauro Dell'Ambrogio, segretario di Stato della SEFRI, il direttore dell'Ufficio federale dell'energia (UFR) Benoît Revaz e il pioniere del volo a propulsione solare Bertrand Piccard.

Redazione | 6 giu 2017 15:14

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'