Accedi
Commenti 23

Tagliata l'elettricità: neanche la Turchia vuole Blancho

Il Consiglio centrale islamico svizzero, in trasferta a Istanbul, ha commesso un importante errore

Aveva sollevato parecchie proteste a Zurigo la decisione del Consiglio centrale islamico svizzero (CCIS) di organizzare al World Trade Center di Oerlikon il maxi raduno Islam Salam 2017, tanto che alla fine i proprietari dell'immobile decisero di vietare la manifestazione. L'organo presieduto da Nicholas Blancho accusò quindi la Svizzera di islamofobia e decise di spostare l'evento a Istanbul, trasmettendolo da lì in streaming. "Il CCIS non vuole piegarsi alla censura e ha trovato un partner che ci sostiene" aveva spiegato la portavoce Ferah Ulucay. "Il meeting si svolgerà in un posto dove i musulmani possono parlare liberamente e non devono temere atti di censura" (vedi suggeriti).

Ma i salafiti svizzeri, forse troppo ottimisti in merito all'accoglienza turca, hanno commesso un importante errore: non hanno chiesto nessuna autorizzazione per la loro manifestazione.

E così, come riporta oggi il Tages Anzeiger, la polizia turca ha fatto tagliare l'elettricità nell'hotel di Istanbul in cui si sarebbe dovuto tenere il raduno Islam Salam 2017, impedendone di fatto la diffusione via streaming.

"Ci saremmo aspettati un po' più di flessibilità da parte delle autorità turche" ha dichiarato al Tages Anzeiger un'altra portavoce del CCIS, Janina Rashidi.

Il raduno si è quindi tenuto solo in forma ridotta, su una barca affittata all'ultimo minuto.

Ora il CCIS accuserà anche la Turchia di islamofobia?

Una fonte della Polizia turca ha confermato al quotidiano zurighese che Qaasim Illi e altri due membri del CCIS erano già stati fermati nel 2013 mentre erano in viaggio verso la Siria "con materiale militare (ma non armi) nella loro autovettura". Il CCIS è quindi un'organizzazione nota ad Ankara, tuttavia il comico Aman Ali, che avrebbe dovuto moderare la conferenza, ha accusato la Svizzera di aver avvertito le autorità turche. Ali ha inoltre riferito di essere stato "quasi arrestato in Turchia lo scorso weekend per aver raccontato barzellette".

Redazione | 12 mag 2017 07:10

Articoli suggeriti
Il ministro PS zurighese Mario Fehr al vetriolo contro il Consiglio centrale islamico: "Per carità, non a Zurigo"
Dopo il no di Zurigo, il maxi-raduno islamico organizzato da Nicolas Blancho e Qaasim Illi si terrà in Turchia
I proprietari dell'immobile hanno interdetto l'evento al quale erano attesi 1000 islamisti. Ma il CCIS ha "un piano B"
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'