Accedi

CF: anche la Confederazione avrà indirizzo ".swiss"

Anche la Confederazione intende ricorrere al nuovo nome di dominio ".swiss". Su di esso verranno pubblicate le applicazioni del Governo elettronico svizzero.

Lo indica oggi il Consiglio federale precisando che admin.ch resterà comunque l'indirizzo di riferimento dell'Amministrazione federale.

In una nota, l'esecutivo spiega che il dominio ".swiss" "dovrà ospitare servizi di governo elettronico moderni e orientati alla fornitura di servizi, come quelli sviluppati nell'ambito del Governo elettronico della Confederazione, dei Cantoni e dei Comuni".

Questi siti "non sono incentrati su un'autorità e i suoi prodotti ma s'improntano ai bisogni delle persone e delle imprese fornendo un rapido e facile accesso a informazioni, dati, estratti di registri e autorizzazioni". Un portale è peraltro già stato attivato, si tratta di www.opendata.swiss che contiene i dati dell'amministrazione pubblica messi a disposizione gratuitamente.

Il dominio ".swiss" è stato attivato nel settembre 2015. Da allora oltre 16'000 imprese attive in Svizzera hanno registrato un indirizzo con questa denominazione.

La maggior parte delle denominazioni è stata assegnata a società per azioni e ad altre imprese attive nei più svariati settori. La maggioranza delle società quotate in borsa in Svizzera dispone ormai di un indirizzo ".swiss".

Il settore del turismo è pure ben rappresentato con molti alberghi, associazioni turistiche, portali per prenotazioni e ferrovie di montagna. Anche numerose piccole e medie industrie (PMI) attive nell'esportazione si sono aggiudicate un indirizzo ".swiss".

Dopo i domini geografici come ".ch" e quelli generici quali ".org" e ".edu", nel 2012 sono stati lanciati ulteriori spazi di denominazione generici in internet. La Confederazione si è aggiudicata il dominio ".swiss" e ha incaricato l'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM) della sua gestione.

Chi vuole avere un indirizzo ".swiss" deve avere un legame chiaro con l'indirizzo internet richiesto, nonché una sede sociale e un centro amministrativo effettivo in Svizzera. I privati, invece, restano per il momento esclusi.
ATS | 11 gen 2017 12:31