Accedi
Commenti 60

Köppel al vetriolo, Sommaruga se ne va

L'intervento del Consigliere nazionale UDC definito "irrispettoso". Il PS: "Si è oltrepassato il limite"

Nella seduta odierna del Consiglio Nazionale gli animi si sono decisamente scaldati (vedi articolo suggerito). La consigliera nazionale leghista Roberta Pantani aveva parlato di un atteggiamento "spocchioso" da parte della consigliera federale Simonetta Sommaruga, che avrebbe abbandonato l'aula seguita da tutto il gruppo socialista durante l'intervento di Roger Köppel (UDC) contro l'estensione della libera circolazione alla Croazia.

Il Tages Anzeiger riporta nuove indiscrezioni su quanto accaduto questa mattina nell'aula del Consiglio Nazionale. Secondo il quotidiano zurighese il clima era talmente teso che "in un altro Stato e in un altro Parlamento probabilmente si sarebbe venuti alle mani". Il gruppo socialista, oggi, ha invece optato per una misura più nostrana: l'abbandono dell'aula in segno di protesta.

Secondo molti presenti, riferisce il Tages Anzeiger, l'intervento del consigliere nazionale Roger Köppel sarebbe stato irrispettoso. Per il capogruppo PS Roger Nordmann si sarebbe "oltrepassato il limite della decenza".

Nella seduta odierna Köppel avrebbe accusato Sommaruga di mistificare la realtà, di indorare una pillola indigesta per i cittadini svizzeri. La consigliera federale sarebbe rea di trattare con frivolezza la Costituzione e di "non chiamare le cose con il loro nome": durante la sua difesa delle revisione della legge sull'asilo avrebbe volontariamente omesso di parlare di "esproprio", preferendo termini più leggeri e, addirittura, di voler sottrarre le abitazioni ai cittadini svizzeri, per poi riempirle con asilanti da lei prelevati in Somalia, Gambia ed Eritrea.

A questo punto Simonetta Sommaruga e il gruppo socialista avrebbero abbandonato l'aula, con Köppel a rincarare la dose: "Lei preferisce parlare di trattative o di misure di compensazione invece di ammettere di aver ceduto insieme ai suoi colleghi di partito ai ricatti imposti dall'UE in merito all'estensione della libera circolazione alla Croazia."

Il botta e risposta sarebbe durato diversi minuti, con i due a fare dentro e fuori dall'aula prima che la situazione si normalizzasse definitivamente. Nessun passo indietro da parte di Köppel, secondo cui un consigliere federale deve saper accettare le critiche.

Il consigliere nazionale democentrista non è nuovo ad attacchi alla consigliera federale socialista, anche fuori dalle mura di Palazzo federale. Più precisamente dalle colonne della Weltwoche, di cui è capo redattore. 

Per la cronaca, l'estensione della libera circolazione alla Croazia è stata approvata dal Consiglio Nazionale con 122 voti a 64. 

Redazione | 26 apr 2016 17:10

Articoli suggeriti
Roberta Pantani denuncia: "Mentre parlava Köppel, Sommaruga se n'è andata con fare spocchioso"
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'