Accedi13/23°

Franco forte: il Consiglio federale pronto a vari scenari

La Svizzera non sarà presa alla sprovvista da un aggravamento della crisi dell'euro. Il Consiglio federale ha previsto una serie di scenari e di misure che si astiene dallo svelare. La principale risposta resta per il momento il mantenimento del tasso minimo di cambio di 1,20 franchi per un euro.

Le turbolenze monetarie e gli effetti di una crisi bancaria europea sull'economia elvetica saranno tema di un dibattito al Consiglio nazionale giovedì. Nelle sue risposte scritte alle interpellanze dei gruppi socialista e UDC, il Consiglio federale riconosce oggi che la situazione della zona euro è "critica".


ATS
ATS | 11 giu 2012 13:45